Re: Bresci Malerba al Grondilice

Homepage Forum Alpi Apuane Arrampicate sulle Apuane Bresci Malerba al Grondilice Re: Bresci Malerba al Grondilice

#2659
Anonimo
Ospite

Ecco qualche indicazione in piu’ per Federico.

Noi ci siamo andati dalla Serenaia, lasciando la macchina nello spiazzo davanti al campeggio. Il sentiero per arrivare al rifugio Orto di Donna si prende dal tratto di strada fra il curvone del campeggio e il rifugio Donegani, e’ ben indicato e quasi tutto nel bosco tranne il primo pezzettino; lo abbiamo percorso in un’ora e mezzo (c’e’ anche la possibilita’ di farsi portare su gli zaini col fuoristrada dei gestori del rifugio che hanno accesso alla strada marmifera alternativa al sentiero, infatti scendendo abbiamo trovato un gruppo di persone tutti senza zaino che andavano a dormire al rifugio).

Dal rifugio si prende il sentiero per la Finestra del Grondilice (non quello per la foce a Giovo), si sale fino alla fine del bosco e appena usciti allo scoperto si lascia il sentiero e si traversa a destra, leggermente in discesa ma piu’ che altro in orizzontale su terreno scomodo ma facile, fino ad arrivare alla base della parete nord del Grondilice. Ci sono degli ometti poco evidenti e ogni tanto si seguono delle tracce. La fessura e’ evidentissima in mezzo alla parete, non si puo’ sbagliare: vedi la foto. In realta’ da lontano e’ una fessura ma da vicino e’ piu’ che altro un camino, soprattutto nel primo tiro.
Il tempo esatto che ci vuole fra il rifugio e l’attacco non te lo so dare, tieni conto che fra ciondolare al rifugio, arrivare alla base della parete, mangiare e prepararci per l’arrampicata ci ci abbiamo messo altre due ore.
Noi ci siamo portati gli zaini alla base della parete e li abbiamo lasciati li’, ma non e’ stata una buona idea perche’ poi li siamo dovuti andare a riprendere. Forse la cosa migliore e’ lasciarli dove si abbandona il sentiero, sperando che nessuno li rubi. Oppure se non c’e’ tanta roba dentro si possono anche tenere sulle spalle durante l’arrampicata.
La via arriva in vetta, a farla ci abbiamo messo due ore e mezzo di tempo. Dalla vetta si scende alla Finestra per il sentiero segnato di azzurro dal lato opposto a quello da cui si e’ arrivati, e dalla Finestra si riprende il sentiero in discesa per l’Orto di Donna.

Venendo invece da Vinca penso che la cosa migliore sia prendere il sentiero per la Foce a Giovo e da li’ il sentiero 179 per il rifugio. Lungo il sentiero si vedono la parete nord e la fessura, e penso che si possa tagliare senza arrivare al rifugio. Pero’ non lo so dire di sicuro perche’ non l’ho fatto.

Buona arrampicata.