Re:Messner: meglio non legarsi. Ed ? polemica

Homepage Forum Alpi Apuane Chiacchiere al rifugio Messner: meglio non legarsi. Ed ? polemica Re:Messner: meglio non legarsi. Ed ? polemica

#4323
Anonimo
Ospite

Infatti, come dice Davec77 per la risalita alla gengiva, o anche per le lunghissime vie di cresta dove si alternano tratti piuttosto facili a tratti di media difficolt? in cui riesci a fare la corretta conserva facendo passare la corda tra gli spuntoni, a tratti difficili su gendarmi, in cui ? necessario fare tiri.
Insomma, resti legato, conserva lunga/corta/tiri… l’esperienza ? veramente utile, esperienza che, naturalmente, si fa sul campo, necessariamente -credo- commettendo degli errori.

Per quanto riguarda la domanda di TroncFeuillu, posso raccontare come ci comportiamo noi, visto che ci stiamo scambiando reciprocamente pareri e informazioni.
Avete presente la cresta di Bionnassay e la bellissima meringa che la caratterizza? Da quando l’avevo vista avevo desiderato trovarmi su quel crinale e percorrerla. I libri recitano: "una delle creste pi? fini delle Alpi… se ghiacciata pu? capitare di doverla percorrere tutta a cavalcioni… se il compagno scivola non resta che buttarsi dall’altra parte…" Insomma, frasi che intimoriscono: una affilatissima cresta nevosa dove procedi di conserva…
Un anno siamo andati ma era troppo ghiacciata, una guida era appena scivolato con il cliente..
L’anno dopo le condizioni erano ottime, ricordo di aver pensato che era pi? affilata e difficile la cresta nord del Cavallo.
Come procedevamo?
Anzitutto ci siamo ricordati l’un l’altra qualcosa di banale quanto essenziale tipo: "stai in campana , non inciampare nelle ghette con i ramponi.."
Dopodich? conserva non troppo corta, corda non troppo tesa, anelli di corda in mano. Devi "sentire" il compagno tramite la corda, ma anche avere il tempo e la possibilit? di reagire ad un imprevisto. Procedi con la massima concentrazione cercando di prevedere o almeno di capire al volo un eventuale problema.
Ci siamo anche detti che, se a quello dietro fosse capitato di scivolare, allora avrebbe dovuto urlare da che parte il compagno avrebbe dovuto gettarsi. Ma insomma… credo che in caso di caduta ci sia ben poco tempo per riflettere, bisogna agire d’istinto..