Gran Sasso

Questo argomento contiene 9 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da  alberto 1 anno, 1 mese fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 10 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #27417

    alberto
    Partecipante

    bel fine settimana al Gran Sasso in particolare Prima e Seconda Spalla. Con Edoardo, Nico, Alessandro, Govanni e Oreste abbiamo salito diverse vie combinando Seconda e Prima Spalla:

    – Notte delle Streghe + Libertà è Partecipazione

    – Mario – Di Filippo + Libertà è Partecipazione

    – Amore-Gambini + Mario-Di Filippo (si voleva fare Zarathustra ma troppa gente) .

    Per Nico la prima volta al Gran Sasso, spero gli sia piaciuto apprezzando la bellezza della roccia :) e naturalmente gli ARROSTICINI…cazzo il Maggiore è proprio una fogna.. ;)

    #27418

    Nico
    Partecipante

    [quote=”alberto” post=28445] Per Nico la prima volta al Gran Sasso, spero gli sia piaciuto apprezzando la bellezza della roccia :) e naturalmente gli ARROSTICINI…cazzo il Maggiore è proprio una fogna.. ;)[/quote]

    Più che piaciuto direi che me ne sono proprio innamorato! non mi dispiacerebbe affatto tornarci 3 giorni durante le ferie (“ferie”? e che sono?!).
    Indubbiamente l’arrampicata non è banale e bisogna sia sapersi proteggere che accettare il rischio di poter effettuare lunghi (se non lunghissimi) tratti, anche sostenuti, senza protezioni. D’altro canto però si parla di alpinismo e il rischio, il coraggio e l’adrenalina sono fattori cardine di questa passione… e molte volte sono proprio quei fattori che ti fanno rimanere impressi nella mente, con orgoglio, certi itinerari. Chiaramente nessuno vuole ammazzarsi…

    Mi fa molto piacere anche aver ripetuto una via di Iannilli.

    #27433

    alberto
    Partecipante

    sono contento che ti sia INNAMORATO… :kiss:

    #27435

    alberto
    Partecipante

    le placche del Gran Sasso sono veramente belle.
    La roccia è spettacolare, l’arrampicata è tecnica e di precisione . Ci vuole riflessione per capire e interpretare la roccia per poter salire. Ma allo stesso tempo occorre decisione e voglia di mettersi in gioco per allontanarsi consapevoli che una volta partiti indietro non si torna.

    L’ho capito su vie tipo la “Stefano Tribioli” ma anche su “Voci di terre lontane” di Iannilli. Vie che mi sono rimaste dentro e averle fatte mi ha dato una immensa soddisfazione.

    #27454

    alberto
    Partecipante

    alcune immagini:

    via Amore – Gambini alla Seconda Spalla versante nord

    via Mario – Di Filippo alla Prima Spalla versante ovest

    #27529

    alberto
    Partecipante

    la bella lama del secondo tiro della via Amore-Gambini alla seconda Spalla.

    Attachments:
    #27531

    alberto
    Partecipante

    che guarderà di tanto interessante…?

    Attachments:
    #27532

    Luca
    Partecipante

    Pierluigi Bini: il mito con ai piedi un paio di Superga

    ciao,
    ho letto i vostri post e visto le foto inerenti al Gran Sasso, e questa mattina sul sito montagna.tv. c’è questa intervista.
    Giusto per dare il mio contributo ( si fa per dire…).
    Spero sia di vostro gradimento!
    Luca

    #27535

    Nico
    Partecipante

    [quote=”alberto” post=28513]che guarderà di tanto interessante…?

    [/quote]

    Interessante l’asta per leggere la relazione… vero??! :laugh: :laugh:

    #27536

    alberto
    Partecipante

    Bini è stato un’innovatore al Gran Sasso.
    Un vero peccato che sulla placca del Vecchiaccio, dove lui in apertura è passato con le superga e senza protezione se non la sosta , ora c’è un bel fittone.

    la sua via “STEFANO TRIBIOLI” nel centro della placconata della Prima Spalla, è un capolavoro di intuizione e determinazione. naturalmente sempre con le superga.

    Le Superga però le usava anche negli anni 80/90 Renato Tommasi al Procinto…. :whistle:

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 10 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.