Intervista a Nives Meroi

Homepage Forum Alpi Apuane Visitatori Intervista a Nives Meroi

Questo argomento contiene 21 risposte, ha 5 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Anonimo 9 anni, 1 mese fa.

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 22 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #8494

    Anonimo

    Cari amici,
    abitando in Friuli, ho in questi giorni avuto l’opportunit? di contattare Nives Meroi che sicuramente tutti voi conoscono per le sue grandi imprese sulle vette pi? importanti del mondo.

    Le ho chiesto di concedermi un’intervista per AlpiApuane.com perch? sono sicuro possa essere di estremo interesse per tutti voi. Ha di buon grado accettato facendomi anche i complimenti per il portale che ha ritenuto interessante. Complimenti che giro a tutti voi, cuore e anima di questo forum.

    Vista l’opportunit? e la vostra competenza specifica, credo sia cosa buona chiedere a voi quali domande porre a Nives, sar? la vostra voce.

    #8496

    Anonimo

    Caro Admin sicuramente ? una domanda che avrai gi? previsto di fare…comunque potresti chiedergli se ha mai arrampicato sulle Apuane, se le conosce un p?. In caso contrario, gli puoi dire che, se trova uno spiraglio fra le sue grandiose salite himalayane, sono disposto ad accompagnarla in qualche salita su tipica roccia apuana (cos? con la scusa della cavalleria gli faccio tirare i tratti pi? duri della Biagi-Nerli alla nord del Pizzo…),ovviamente compenseremo la sua disponibilit? anche offrendo un ottimo e abbondante pranzo/cena a base di prodotti tipici apuani…..
    Saluti

    #8497

    Marco Lapi
    Partecipante

    Grande Nives! La ricordo lo scorso anno a Scandicci… Sarebbe interessante che ci parlasse semplicemente della sua concezione di alpinismo, soprattutto in relazione a chi ne ha fatto un terreno di competizione esasperata e, talvolta, non del tutto leale… :unsure:

    Marco

    #8498
    alberto
    alberto
    Partecipante

    Non per maschilismo, ma forse sarebbe giusto ricordarsi di un certo Romano Benet.

    #8499

    Anonimo

    Beh certo non ? il caso di dimenticarlo, sono di riflesso in contatto anche con lui, casomai se sar? disponibile potremo riproporre un’altra intervista o anche incontrarli assieme in questa.

    #8500

    Marco Lapi
    Partecipante

    Direi di incontrarli assieme, se possibile… Due cuori e una capanna, anzi due cuori e una tendina da alpinismo himalayano… ;)

    #8501
    alberto
    alberto
    Partecipante

    admin scritto:

    Beh certo non ? il caso di dimenticarlo, sono di riflesso in contatto anche con lui, casomai se sar? disponibile potremo riproporre un’altra intervista o anche incontrarli assieme in questa.

    "non ? il caso di dimenticarlo"…??????

    di riflesso..???

    la Meroi ? stata eletta a personaggio per il fatto che ? una donna . Tanto di cappello per i sui 11 ottomila.

    ma con chi l’ha fatti? da sola? oppure con suo marito e compagno di cordata Romano Benet.

    Quindi caso mai ha senso parlare di alpinismo "Meroi-Benet" o "Benet-Meroi" e non vedo perch? lei deve essere eletta a personaggio e lui manco se ne parla.
    Non ? mica sempre stato dietro! Non ? mica il gregario.

    #8503

    Anonimo

    Non fraintendermi bonatti, non era quello il senso delle mie affermazioni. Far? di tutto per incontrarli assieme.

    #8504

    alessandro
    Partecipante

    Bonatti ha scritto :
    la Meroi ? stata eletta a personaggio per il fatto che ? una donna . Tanto di cappello per i sui 11 ottomila.

    ma con chi l’ha fatti? da sola? oppure con suo marito e compagno di cordata Romano Benet.

    Quindi caso mai ha senso parlare di alpinismo "Meroi-Benet" o "Benet-Meroi" e non vedo perch? lei deve essere eletta a personaggio e lui manco se ne parla.
    Non ? mica sempre stato dietro! Non ? mica il gregario.[/quote]

    Magari a Romano Benet non gliene frega nulla di essere considerato un personaggio.
    Admin gli potresti chiedere come vive il fatto che si parli tanto di Nives e poco o niente si sappia di lui.
    L’intervento di Bonatti potrebbe essere un buono spunto per una domanda.

    #8507
    alberto
    alberto
    Partecipante

    sono convinto anchio che a Romano Benet non gli frega nulla di essere considerato un personaggio e forse nemmeno alla Meroi.

    Sono anche convinto che non esiste un "alpinismo Meroi" disgiunto "dall’alpinismo Benet" quindi mi domando perch? si ? voluto creare il personaggio Meroi? solamente per il fatto che lei ? una donna e quindi attira l’attenzione.

    Anche perch? non avrebbero certamente attirato molta attenzione, non avrebbero fatto notizia gli ottomila di Romano, visto che ci sono altri, anche in Italia che hanno al proprio attivo molti 8000.
    Ad esempio il roveretano Sergio Martini che li ha fatti tutti e 14.

    #8508

    Alessandro Rossi
    Partecipante

    io le chiederei cosa le piace di quel tipo di alpinismo li.

    (tutta quella fatica… sempre col marito… non le mancano le serate con le amiche a ballare al Don Carlos :P ? )

    #8509
    alberto
    alberto
    Partecipante

    popegapon scritto:

    io le chiederei cosa le piace di quel tipo di alpinismo li.

    (tutta quella fatica… sempre col marito… non le mancano le serate con le amiche a ballare al Don Carlos :P ? )

    e te che ne sai del Don Carlos ?

    non ci andrai mica a caccia di TARDONE :P

    #8510

    Anonimo

    Non so se io mi sia ?guadagnata? cotanto ?karma? perch? effettivamente, di solito, sono ?pacata? negli interventi. Ebbene, oggi non sar? cos?, perch? in questo momento mi stanno venendo gli occhi pallati di bianco di Tempesta e mi si stanno rizzando i capelli in testa?

    Mi pare un dato di fatto -e non un?opinione- che le femminucce non raggiungono negli sport dei risultati, dei tempi, dei primati, dei record equiparabili a quelli degli uomini. Di fatti esistono categorie distinte. I tempi, i risultati, i primati, i record non vengono mescolati fra i due sessi, n? confrontati.

    Altra cosa nota ? il fatto che attualmente NESSUNA DONNA ha mai salito tutti gli Ottomila.

    Sar? perch? le donne alpiniste sono in proporzione in numero inferiore rispetto agli uomini alpinisti? Pu? darsi. Sar? anche perch?, come per tante altre attivit? fisiche, l?alpinismo di altissima quota ? molto logorante e il fisico maschile ? maggiormente predisposto? Oltretutto, al logorio fisico comune ad ambo i sessi, che io sappia alle donne si aggiunge uno scombussolamento ormonale non indifferente.

    Ci sono campi in cui noi donne siamo oggettivamente svantaggiate, ? la nostra natura. Due anni fa ho partecipato alle selezioni per astronauta, mi hanno contattata perch? immaginavano io avessi una certa resistenza fisica (e mentale), data l?attivit? che svolgo in montagna. L?ESA non aveva donne astronauta, mentre altre Nazioni s?, avevano la speranza di trovare un individuo di sesso femminile adatto. Non era per loro indispensabile, ma ci tenevano. Se cos? non fosse stato, ovviamente avrebbero scelto solo uomini.

    Si parla di Nives pi? che di Romano perch? Nives ? donna?
    Certamente, proprio cos?.
    Scusate, ma non c?era da augurarsi che Nives realizzasse per prima tutte le salite agli Ottomila? Pensate che primato per l?Italia sarebbe stato! L?Italia avrebbe avuto il primo uomo e la prima donna ad esservi riusciti.
    Come si parlava di Fiona May quando faceva primati, non si stava a vedere se uomini italiani saltavano pi? in l? di lei, NON si confrontavano le due cose, molto semplicemente.

    Poi, scusate, chi ? che non riconosce la figura di Romano?
    Al premio a cui ho partecipato a settembre -per dire- ho assistito ad un riconoscimento a Romano. Lasciando stare un attimo la propaganda dei mass-media, mi pare che in ambito alpinistico sia assolutamente, indiscutibilmente e senza la minima ombra di dubbio noto che Romano Benet sia un grande alpinista. Come ? assolutamente noto che ? di sostegno psicologico fondamentale per Nives durante le salite. Alle conferenze di Nives ? ella stessa a ricordarlo, a raccontare che ognuno sale del proprio passo, ma che la tal tale volta Romano ? rimasto una o due ore in vetta ad aspettare che lei arrivasse.
    ? un problema che Nives abbia questo sostegno psicologico nelle proprie ascensioni? Che abbia -forse- questa ?spinta? in pi?? Dico, ? un problema?
    E se anche per Romano la presenza della donna a cui ? tanto profondamente legato fosse una ?spinta? in pi??
    Per non parlare poi delle altre donne in ?corsa? per gli Ottomila, magari non hanno l?uomo che amano vicino ma hanno al seguito una baraonda di persone a sostenerle passo dopo passo?

    Infine, credo sia stato molto un lavoro dei mass-media quello di propagandare la donna Nives, ripeto, per il fatto OGGETTIVO che sarebbe stata la PRIMA a salire tutti gli Ottomila, e non mi pare poco.
    Romano e Nives non nascondono nemmeno il fatto che volevano fare alpinismo e che l?alpinismo costa, e che per avere sponsor e fondi ? stato favorevole assecondare quel tipo di pubblicit?. Forse Romano non avrebbe trovato eguali sponsor per salire gli Ottomila visto che, come ricordate voi, non ? n? il primo n? l?unico uomo italiano a salirli. Io stessa ho domandato loro perch? non salivano, che so io, dei 7000 mai saliti. Mi hanno risposto che qualcosa hanno fatto, che a loro sarebbe piaciuto farlo di pi?, che avevano progetti, ma che servivano soldi, che gli sponsor pensavano ad altro.

    Infine, ma veramente infine, mi pare a dir poco fuori luogo -ma sar? ipersensibile io- parlare di presunte ingiustizie donna-uomo, moglie-marito, spessore alpinistico di una, dell?altro e simili in un momento tanto doloroso per la loro famiglia.

    Io li ho conosciuti in pi? occasioni, in particolare Nives e la sorella Leila. E mi vanto di conoscerli, ma me ne vanto non perch? sono grandissimi, grandi, medi, mediocri alpinisti (come credete voi, ognuno giustamente faccia le proprie considerazioni/confronti/quel-che-crede), invece me ne faccio un ?vanto? perch? ho conosciuto delle persone veramente belle, rare per la genuinit?, la cordialit?, la bont? d?animo, la dolcezza e, non ultima, per la incredibile modestia che manifestano.

    #8512

    Alessandro Rossi
    Partecipante

    piki scritto:

    ….la bont? d?animo, la dolcezza e, non ultima, per la incredibile modestia che manifestano.

    la bont? d’animo? ma che si parla di nives meroi o di madre teresa di calcutta??
    e poi riguardo alla modestia, meglio cosi, fanno bene a non montarsi la testa, se si dovesse montare la testa uno che va su un monte ti immagini che dovrebbe fare un cardiochirurgo
    mah!

    #8514

    Anonimo

    Le qualit? sopracitate si evincono dalle conferenze, dagli interventi, dai blog, dal semplice scambiare 4 chiacchiere con Nives e Romano, dallo stile con cui si approcciano alla stampa, al pubblico, agli altri alpinisti e alle persone in generale. Stile che non sempre gli alpinisti, famosi e meno famosi, hanno. E alcuni interventi su questo thread ne sono la prova.
    Se fossi nei panni della Nives, infatti, e leggessi questo thread mi passerebbe la voglia di farmi intervistare su AA, ma io sono diverso, incazzoso e permaloso e da lei, anche in questo momento particolare, mi aspetto una reazione diversa, quantomeno perch? un soggetto "pubblicamente esposto" ? abituato a ben altro.

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 22 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.