nuova via – “Grand Hotel Val Boana” al Sumbra

Homepage Forum Alpi Apuane Arrampicate sulle Apuane nuova via – “Grand Hotel Val Boana” al Sumbra

Stai vedendo 12 articoli - dal 16 a 27 (di 27 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #27176
    alberto
    Partecipante

    alcune foto della ripetizione di oggi.

    #27177
    alebiffi86
    Partecipante

    [quote=”alberto” post=28291]Oggi con Giovanni (Mangiatore di Bambini) abbiamo ripetuto la via.

    Avvicinamento da Arni per il Fatonero

    Alessandro complimenti per l’intuito e la realizzazione!!

    La via, per noi è bella e logica, chiodata il giusto. Sul tiro che supera il tetto abbiamo messo un chiodo prima di ritraversare a sinistra in modo che il secondo fa il passaggio protetto e non rischia un pendolaccio a sinistra. Il chiodo poi l’abbiamo tolto. Così l’impegno originale è mantenuto ;)
    Il traverso a sinistra sopra il tetto, è un po’ delicato, soprattutto in partenza per la roccia non eccelsa e la presenza di un blocco, (oggi era anche bagnato) che comunque si evita. Comunque con un po’ di attenzione il traverso a sinistra si protegge bene. Il successivo strapiombetto che aggetta, è ben manigliato e lo si traversa bene.

    I due tiri centrali sulle placche, che portano sotto il tetto sono belli, e di buona roccia con liste stile Monzone.

    L’ambiente è super.
    Per le difficoltà mi trovi d’accordo. Quel VI- (sarà stato l’umido) ma direi anche VI.

    BRAVI!! :)[/quote]

    Evvai!! grandi! sono veramente contento che ci siate andati e vi sia piaciuta! poi vista l’esperienza che hai, anche di aperture, m’interessava particolarmente il tuo parere! avete fatto bene a proteggere il traverso con un chiodo..Luchino fece per l’appunto un brutto pendolo! anche in questo caso, come per la via della Beffa, il marciume si pulirebbe con un po’ di passaggi..in effetti avevo anche pensato di tornare e fare qualche ritocco ma visto che ci era costata parecchio pelo alla fine decisi di lasciarla com’era :P
    bene, sono proprio felice..una via, secondo me, non è veramente conclusa finchè non ci va qualcuno e ti dice che ne pensa! grazie e complimenti a te e a radiolina! :laugh:

    #27180
    alberto
    Partecipante

    altre 2 foto all’inizio del traverso sotto il tetto.

    Attachments:
    #27181
    alberto
    Partecipante

    Ale la via è tua e quindi puoi fare quello che ritieni più giusto. Se la chiodi di più la rendi senza dubbio più appetibile e le ripetizioni aumenteranno.

    Ma sicuramente gli togli tanto fascino… ;)

    #27182
    alebiffi86
    Partecipante

    no, infatti come chiodatura vorrei lasciarla così…intendevo dire che al massimo avrei voluto fare ancora un po’ di disgaggi!

    #27183
    alebiffi86
    Partecipante

    ah, a proposito di chiodatura..mi spiace aver lasciato due chiodi sulla Beffa ma abbiamo tentato in tutti i modi di toglierli e non ne volevano sapere! giuro che non è stata volontaria la cosa.. :(

    ..per i sandwich di chiodi in effetti fu l’unica soluzione che trovai e rimasi sorpreso dalla solidità del tutto! le zeppe di legno quelle no dai! :S :S ..

    #27185
    alberto
    Partecipante

    [quote=”alebiffi86″ post=28297]ah, a proposito di chiodatura..mi spiace aver lasciato due chiodi sulla Beffa ma abbiamo tentato in tutti i modi di toglierli e non ne volevano sapere! giuro che non è stata volontaria la cosa.. :(

    ..per i sandwich di chiodi in effetti fu l’unica soluzione che trovai e rimasi sorpreso dalla solidità del tutto! le zeppe di legno quelle no dai! :S :S ..[/quote]

    Ale un chiodo và , uno viene. Questo fa parte del normale evolversi della storia di un’itineraio.
    Ben diverso sarebbe intervenire per attrezzarlo in maniera fissa stravolgendone totalmente il concetto, il senso, lo stile.

    Per i chiodi che hai accoppiato nei buchi hai fatto un bel lavoro, dimostrazione di capacità e senso si adattamento.

    Quanto alla tecnica riportata alla luce da Ivo Rabanser, accoppiando chiodo e zeppette di legno. Ti posso garantire che è una tecnica sopraffina. In questo modo con uno stesso tipo di chiodo riesci a chiodare, in modo sicuro, sfruttanto diversi tipi e grandezze di fessure e buchi.

    #27186
    alebiffi86
    Partecipante

    ok, allora qualche volta proverò! ma quindi bisogna portarsi dietro una piccola scelta di schegge/spine di legno? esistono forme, misure, tipi di legno più adatti?

    #27187
    alberto
    Partecipante

    [quote=”alebiffi86″ post=28300]ok, allora qualche volta proverò! ma quindi bisogna portarsi dietro una piccola scelta di schegge/spine di legno? esistono forme, misure, tipi di legno più adatti?[/quote]

    bisogna prepararsi e portarsi dietro una buona scelta di zeppette di legno (piccoli cunei) di varia forma e grandezza da infilare nel buco intorno al chiodo.
    I legni più adatti sono quelli morbidi e resinosi. Perchè si adattano meglio senza rompersi e resistono nel tempo.

    Questa tecnica dei “chiodi spessorati” con il legno, nell’epoca del trapano e della resina, quindi delle vie completamente attrezzate con protezioni fisse a prova di bomba. Lascerà sicuramente molti perplessi per non dire disgustati, perchè ritenuta una cosa fuori dal tempo attuale, da vecchi e retrogradi matusa. Non è così. Invito queste persone invece a riflettere. Perchè applicare queste tecniche lascia spazio ancora alla fantasia e all’abilità tecnica e manuale dell’alpinista arrampicatore. Ma sopratutto permette anche al ripetitore di metterci del suo.

    #27356
    alberto
    Partecipante

    due miei amici l’hanno ripetuta sabato.

    #27357
    alebiffi86
    Partecipante

    mi fa piacere!! ho sentito il Mutti su fb..dice che gli è piaciuta! :)

    #27358
    alberto
    Partecipante

    [quote=”alebiffi86″ post=28394]mi fa piacere!! ho sentito il Mutti su fb..dice che gli è piaciuta! :)[/quote]

    considerando i gusti difficili del RAGAZZO, ci puoi credere…. ;)

Stai vedendo 12 articoli - dal 16 a 27 (di 27 totali)
  • Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.