• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Venerdì 25 Mag 2018
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Parole chiave
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
  • Pagina:
  • 1
  • 2
  • 3

ARGOMENTO: Armando Aste

Armando Aste 04/09/2017 15:42 #27702

  • adri
  • Avatar di adri
  • Offline
  • Escursionista
  • Messaggi: 32
  • Ringraziamenti ricevuti 1
  • Karma: 2
Io ti ho capito Alberto, specificavo per quelli che magari non hanno la tua esperienza e capacità di valutazione e non vorrei che passasse la linea della lentezza come bellezza.
A volte si a volte invece no.

Volendo essere romantici ricordo che pure Kugy diceva che una montagna la conosci veramente solo se ci dormi sopra :)
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Armando Aste 04/09/2017 16:19 #27703

  • alberto
  • Avatar di alberto
  • Offline
  • Alpinista estremo
  • Messaggi: 3804
  • Ringraziamenti ricevuti 56
  • Karma: 28
adri ha scritto:
Io ti ho capito Alberto, specificavo per quelli che magari non hanno la tua esperienza e capacità di valutazione e non vorrei che passasse la linea della lentezza come bellezza.
A volte si a volte invece no.

Volendo essere romantici ricordo che pure Kugy diceva che una montagna la conosci veramente solo se ci dormi sopra :)

infatti questo pensiero l'ho un pò rubato a lui.

Non credo che oggi possa passare la linea della lentezza. Siamo talmente infervorati di fare sempre di più che non vedo questo pericolo.

Ti faccio l'esempio del Procinto. Quanti oggi escono in vetta per poi scendere a piedi dalla ferrata? Pochi, molto pochi, quasi nessuno!
Tutti si calano in doppia. Scendere a piedi è perdere tempo a discapito della produzione arrampicatoria.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Armando Aste 04/09/2017 19:58 #27704

  • alberto
  • Avatar di alberto
  • Offline
  • Alpinista estremo
  • Messaggi: 3804
  • Ringraziamenti ricevuti 56
  • Karma: 28
sulla Aste-Salice alla Cima d'Ambiez

L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Armando Aste 04/09/2017 21:58 #27706

  • derrick
  • Avatar di derrick
  • Offline
  • Climber
  • Messaggi: 185
  • Karma: 4
cazzo, se ne va un pezzo di storia.. anzi no, rimarrà con le sue vie.
e pensare che proprio in questo periodo volevo ripetere una sua via sulle alpi liguri
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Armando Aste 05/09/2017 08:18 #27707

  • alberto
  • Avatar di alberto
  • Offline
  • Alpinista estremo
  • Messaggi: 3804
  • Ringraziamenti ricevuti 56
  • Karma: 28
derrick ha scritto:
cazzo, se ne va un pezzo di storia.. anzi no, rimarrà con le sue vie.
e pensare che proprio in questo periodo volevo ripetere una sua via sulle alpi liguri

già Aste è stato anche lì, su invito di un altro Armando: il torinese Armando Biancardi alpinista , giornalista e scrittore, per risolvere il problema della prima salita dello spigolo N.E. della punta Tino Prato nel Marguareis.


L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Armando Aste 06/09/2017 00:13 #27708

  • derrick
  • Avatar di derrick
  • Offline
  • Climber
  • Messaggi: 185
  • Karma: 4
esattamente, ho visto lo spigolo senza sapere ci fosse una via, quando ho saputo che era di Aste ho provato il desiderio di salirla, per ora è in lista, senza fretta.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Armando Aste 06/09/2017 17:56 #27709

  • alberto
  • Avatar di alberto
  • Offline
  • Alpinista estremo
  • Messaggi: 3804
  • Ringraziamenti ricevuti 56
  • Karma: 28
1965 - Marmolada di Rocca. Parete Sud. "Via Canna d'Organo"
13 - 18 agosto. Con Franco Solina. Fra la Punta Rocca e la Marmolada d'Ombretta una serie di torri orlano la cresta della montagna. Dal rifugio Falier si vede stagliarsi nettissimo un caratteristico campanile, simile a una canna d'organo con un precipite strapiombante spigolone.
Avevamo studiato minuziosamente le molte fotografie prese. Lo scorso anno, tracciando la "Via dell'Ideale", avevamo avuto modo di scoprire altri preziosi particolari e fissarci ancora più nella nostra decisione: aprire la "Via della Canna d'Organo".
Abbiamo lottato con i denti per attrezzare una costola fessurata sulla faccia destra del colatoio. Pioggia, grandine, poi anche la neve. E' inutile ormai. Dovremo bivaccare ancora in questo inferno di pareti dai riflessi sinistri. Lucide d'acqua e foderate, a tratti, da colate e grappoli di mostruose stalattiti di ghiaccio.
Siamo rannicchiati sotto una sporgenza arrotondata. Non c'è la possibilità di indossare i sacchi da bivacco. Le giacche a vento sono inzuppate; pensiamo che é meglio levarle. Il frastuono della cascata che passa ad un metro da noi diventa di minuto in minuto più insopportabile. Saremo capaci di resistere fino ai primi albori?
L'acqua batte, cade, gorgoglia, schizza, rimbalza. Assume voci e rumori sempre diversi e contrastanti. Assordanti e gentili. Mostruosi. Struggenti. Ora voci sconosciute eppure amiche mi chiamano. Ecco sì, distintamente, le voci dei miei cari. La voce di mio padre che dice sempre: "Valà, sta a casa che l'è mèio". Quella di mia madre che è inquieta, addolorata, implorante. Quasi disperata. Mia madre. Mai ho pensato tanto a lei come ora.
Con gli occhi sbarrati stiamo a sperare che il volume d'acqua diminuisca, che il frastuono si vada smorzando.
Il tempo sembra essersi fermato. Mi dolgono terribilmente le ginocchia per la forzata innaturale posizione, mi duole la spalla lussata. Credevo di saperne abbastanza, ormai, di bivacchi, ma questo, il centesimo, è veramente tremendo. Quanto tempo è passato?
Intanto la canna d'organo suona ancora, suona sempre, seppure com minore intensità, ora. Arriva il tanto sospirato mattino e quasi per magia la parete si apre a tratti e mostra strappi di cielo azzurro. Saliamo ora sempre più penosamente, seppure su difficoltà decrescenti a mano a mano che la pendenza addolcisce. Ormai la volontà è in disarmo: sentiamo prossima la meta.
Credo di non avere mai desiderato come ora il calore del sole, la luce, la fine di una salita. Franco un'ultima volta mi raggiunge con l'impossibile carico di roba e ferramenta tintinnante e prima ancora di riprendere fiato, mi stringe con le sue forti braccia in un muto amplesso. Con una incrinatura di commozione nella voce dice una cosa bellissima: "E' meglio che siamo qui soli, Armando".
Sullo sfondo, alcune cordate salgono nel sole la "schiena di mulo" della Punta Penìa. Sono le dieci del diciotto agosto '65.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Armando Aste 07/09/2017 08:31 #27710

  • alberto
  • Avatar di alberto
  • Offline
  • Alpinista estremo
  • Messaggi: 3804
  • Ringraziamenti ricevuti 56
  • Karma: 28
il bellissimo e molto repulsivo tratto di parete dove sale la via della Canna D'Organo


L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Armando Aste 07/09/2017 08:34 #27711

  • alberto
  • Avatar di alberto
  • Offline
  • Alpinista estremo
  • Messaggi: 3804
  • Ringraziamenti ricevuti 56
  • Karma: 28
ecco qua la via dell' IDEALE forse il capolovoro di Armando Aste , anche se, a detta sua, non la sua via più difficile.



per questa ripetizione, a cui tenevo tanto, posso solo ringraziare Alessandro (Popegapon) che mi propose di unirmi a lui a Carletto e Leonardino. Una grande giornata.


Nonno dove sei?
raccontaci qualcosa della tua via dell' Ideale assieme a Ratti e ?
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Armando Aste 08/09/2017 08:56 #27712

  • popegapon
  • Avatar di popegapon
  • Offline
  • Climber
  • Messaggi: 206
  • Ringraziamenti ricevuti 2
  • Karma: 8
...si, l 'Ideale non è una via qualsiasi. Alberto noi si deve ringraziare solo il culo che ci regge finchè siamo sani e si va a far di queste cose c'è solo da non perdere neanche una occasione, zaino sempre pronto per chi può.
bellissima giornata ricordi indelebili, giù alla macchina incontrammo Mariacher e la Jovane poi al rifugio si vide Giordani... loro ancora ci pensano ne parlano ancora ... sentivo che dicevano sottovoce "ma chi sono quei quattro li, hanno l'aria di essere gente forte..."
Che tipo Armando Aste una via cosi moderna in placca parete aperta in quegli anni, fenomeni fenomeni la serie A senza ombra di dubbio.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
  • Pagina:
  • 1
  • 2
  • 3
Tempo creazione pagina: 0.126 secondi

Ultime dal Forum di AA

Cartina delle Alpi Apuane

carta-apuane_ticciati.jpg

Login Form

Foto Apuane

sagro02-e0.JPG.jpg

Sostieni AlpiApuane.com

AlpiApuane.com è un portale che si avvale della collaborazione di volontari ed appassionati; non beneficia di contributi pubblici di nessun genere e viene gestito ed aggiornato esclusivamente con risorse private.

Mailing list

Iscriviti per conoscere subito tutte le novità di questo portale

REGISTRAZIONE