• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Mercoledì 24 Ott 2018
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Parole chiave
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: bastrenta procinto

bastrenta procinto 30/08/2018 08:48 #28498

  • alberto
  • Avatar di alberto
  • Offline
  • Alpinista estremo
  • Messaggi: 3989
  • Ringraziamenti ricevuti 68
  • Karma: 29
Ho fatto diverse solitarie , ma non sono un solitario, ne per scelta ne per bisogno. Condividere un'avventura con un amico, avere con lui sintonia in quello che si va ad affrontare a me piace.
Però mi piace anche vivere la montagna e l'alpinismo a 360 gradi e l'esperienza di una solitaria è un completamento è un piccolo spazio del bicchiere da riempire nella vita di un alpinista.
Ad esempio mi piacerebbe aprire una via nuova in solitaria. E nella testa ci sono diverse idee. Vedremo...
Poi c'è anche l'aspetto egoistico di mettersi in mostra. Essere il primo a fare una certa cosa. Anche questo secondo me è presente nell'animo di tanti arrampicatori. Anche se molti non lo dichiarano.

Concordo con te sul non apprezzare fino in fondo quelle super imprese con tanto di fotografi posizionati nei punti chiave della via.
Nulla da dire sull'aspetto tecnico, nulla da dire sulle impressionanti capacità . Ma la parte super-mediatizzata con tutto l'apparato organizzativo al seguito, per me rovina il tutto. Un minimo di intimità è fondamentale. Le grandi solitarie alla Charlie Porter, leggendario alpinista americano, restano insuperate.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

bastrenta procinto 30/08/2018 12:17 #28499

  • derrick
  • Avatar di derrick
  • Offline
  • Climber
  • Messaggi: 207
  • Karma: 4
aprire una nuova via è una bella soddisfazione, anche in cordata, sicuramente in solitaria è più impegnativo in ragione del quantitativo di materiale che ragionevolmente si deve trasportare, per il resto basta riuscire a passare dove il grado ci è accessibile e se possibile cercare di evitare i traversi in quanto si dovrà praticamente ripetere il tiro tre volte a meno che non lo si passi slegato;

Tornando al discorso delle vere solitarie penso che forse si aggiunga ancor più fascino quando solitarie rimangono anche dopo, senza divulgazioni o prese di merito, ma che stiano segrete nel cuore di chi le ha effettuate, anche se la tentazione di parlarne, in virtù dell'egoismo come dicevi poc'anzi, è forte...

comunque voglio spronarTi-Vi: se si riesce a tornar lì sul procinto prima dell'avvento della brutta stagione a me farebbe molto piacere.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

bastrenta procinto 30/08/2018 14:58 #28501

  • alberto
  • Avatar di alberto
  • Offline
  • Alpinista estremo
  • Messaggi: 3989
  • Ringraziamenti ricevuti 68
  • Karma: 29
prire una nuova via è una bella soddisfazione, anche in cordata, sicuramente in solitaria è più impegnativo in ragione del quantitativo di materiale che ragionevolmente si deve trasportare, per il resto basta riuscire a passare dove il grado ci è accessibile e se possibile cercare di evitare i traversi in quanto si dovrà praticamente ripetere il tiro tre volte a meno che non lo si passi slegato;

Tornando al discorso delle vere solitarie penso che forse si aggiunga ancor più fascino quando solitarie rimangono anche dopo, senza divulgazioni o prese di merito, ma che stiano segrete nel cuore di chi le ha effettuate, anche se la tentazione di parlarne, in virtù dell'egoismo come dicevi poc'anzi, è forte...

comunque voglio spronarTi-Vi: se si riesce a tornar lì sul procinto prima dell'avvento della brutta stagione a me farebbe molto piacere.

di vie ne ho aperte tante, sia di roccia che di ghiaccio e misto. Si è una gran bella soddisfazione. Credo che sia un completamento nell'attività di un alpinista, un modo di esprimere il proprio concetto di arrampicata, di alpinismo.
Aprire in solitaria è un passo ulteriore, perchè decidi tutto te: dal desiderio, alla concezione alla realizzazione. Te e la montagna, te e le difficoltà, te e i dubbi e solo tue le risposte.

Sul concetto che le solitare sono una cosa che fai solo per te, quindi dovrebbero segrete, è una discussione che ho fatto con amici. Qualcuno concorda con te. Io sono più egoista e mi piace dirlo che l'ho fatta :laugh: A parte le battute comunque credo che la storia dell'alpinismo esiste perchè la si racconta ed è bello conoscerla.
Come quando te scrivi di Gogna e gli fai i complimenti per la sua solitaria alla Oppio. Se non l'avesse raccontata non avresti potuto magari immedesimarti con lui, trarne esempio, stimolo.

A Procinto ci si torna di sicuro. E' un pò come fosse la casa dei nonni dove hai giocato tanto da bambino... ;) Le vie le conosco come le mie tasche, ma ci sono talmente affezionato e ci sto così bene che non mi viene a noia :)
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

bastrenta procinto 30/08/2018 15:42 #28503

  • derrick
  • Avatar di derrick
  • Offline
  • Climber
  • Messaggi: 207
  • Karma: 4
mi par di aver capito che non hai mai aperto una via in solitaria ma ne senti l'attrazione?
da quel che mi è giunto a vedere credo tu abbia ampiamente i numeri per farlo, ma a prescindere da ciò credo che ogni vero alpinista debba avere una cosa dentro di se, a prescindere dalle capacità: ovvero la consapevolezza di sapere quando potrebbe essere il momento giusto per fare una determinata ascensione, quindi se ti sentirai di farlo, più che probabilmente sarai all'altezza delle tue decisioni.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

bastrenta procinto 30/08/2018 16:54 #28504

  • alberto
  • Avatar di alberto
  • Offline
  • Alpinista estremo
  • Messaggi: 3989
  • Ringraziamenti ricevuti 68
  • Karma: 29
si aprire una via nuova in solitaria è una cosa che ho in mente da tempo. Ho individuato anche diversi obbiettivi.
L'alpinista cerca sempre di alzare "l'asticella" . Di farlo sul grado, cercando di fare maggiori difficoltà non mi interessa più di tanto. E di sicuro non sarei in grado di andare oltre certe difficoltà, anche perchè di allenarmi non se ne parla. Troppa fatica :laugh:

Poi vista la mia mentalità piuttosto classica, mi sento più attratto da altri scopi che dalla pura difficoltà.
Quella la lascio ai giovani e ai talentuosi :laugh:

Ultimamente ad esempio mi è divertito molto di salire le vie del Procinto usando solo protezioni veloci e cordini in clessidre. Vie che ti sono familiari ti si presentano sotto un altro aspetto.

Scegliere il momento giusto per impegnarsi in una certa salita non è facile. Ci sono tanti fattori che giocano: personali sia fisici che mentali, ambientali, familiari.
Per fare la solitaria alla via Zappelli alla nord del Pizzo delle Saette ci sono andato 2 volte. La prima volta la mia "vocina interiore" mi ha detto che era meglio rimandare.
Gli ho dato retta e non ne sono stato affato dispiaciuto.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

bastrenta procinto 31/08/2018 01:37 #28505

  • derrick
  • Avatar di derrick
  • Offline
  • Climber
  • Messaggi: 207
  • Karma: 4
concordo appieno, sinceramente vado molto orgoglioso delle mie rinunce, oltre ad essere sintomo di maturità (intesa anche come consapevolezza della situazione in cui ci si trova), a me danno quasi un senso di soddisfazione!
ed in solitaria c'è un grande vantaggio: non devi convincere nessuno.
con il senno di poi posso tranquillamente affermare che quando ebbi l'incidente sulla biagi se avessi seguito il mio istinto invece che farmi influenzare dall'esterno, probabilmente saremmo arrivati in cima, sicuramente ci sono stati dei gravi errori oggettivi ma da allora ho imparato ad ascoltare molto attentamente il mio "fiuto" prima di prendere una decisione.
ed in questo senso una cosa è certa: nelle solitarie ci si ascolta sicuramente di più.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

bastrenta procinto 09/09/2018 18:25 #28521

  • derrick
  • Avatar di derrick
  • Offline
  • Climber
  • Messaggi: 207
  • Karma: 4
Buonasera, in settimana avrò alcuni giorni liberi, ti/vi andrebbe di fare un uscita?
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

bastrenta procinto 14/09/2018 18:23 #28544

  • alberto
  • Avatar di alberto
  • Offline
  • Alpinista estremo
  • Messaggi: 3989
  • Ringraziamenti ricevuti 68
  • Karma: 29
derrick ha scritto:
Buonasera, in settimana avrò alcuni giorni liberi, ti/vi andrebbe di fare un uscita?

ciao

domani mattina andiamo a scalare al Procinto. Siamo in 3.

Ci troviamo alle 8.30 al Bar Ton Lorenzi a Ripa.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

bastrenta procinto 14/09/2018 19:15 #28545

  • derrick
  • Avatar di derrick
  • Offline
  • Climber
  • Messaggi: 207
  • Karma: 4
alberto ha scritto:
derrick ha scritto:
Buonasera, in settimana avrò alcuni giorni liberi, ti/vi andrebbe di fare un uscita?

ciao

domani mattina andiamo a scalare al Procinto. Siamo in 3.

Ci troviamo alle 8.30 al Bar Ton Lorenzi a Ripa.
Grazie dell'invito, facendo una mezza pazzia mi unisco anch'io, non sapendo però quanto potrò rimanere nel pomeriggio, unica grande cortesia che chiedo è di informarmi al n°328-1562424 nel caso cambiasse qualcosa: parto da Genova e non vorrei venire a vuoto. mi farò trovare allora alla pasticceria tonlorenzi per l'orario prestabilito.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Tempo creazione pagina: 0.197 secondi

Sostieni AlpiApuane.com

AlpiApuane.com è un portale che si avvale della collaborazione di volontari ed appassionati; non beneficia di contributi pubblici di nessun genere e viene gestito ed aggiornato esclusivamente con risorse private.