• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Domenica 21 Ott 2018
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Parole chiave
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
  • Pagina:
  • 1
  • 2

ARGOMENTO: tecniche di autoassicurazione

tecniche di autoassicurazione 18/03/2016 10:24 #26016

  • alebiffi86
  • Avatar di alebiffi86
  • Offline
  • Alpinista estremo
  • Messaggi: 1341
  • Ringraziamenti ricevuti 17
  • Karma: 5
Volevo un parere dai più esperti del forum su questo argomento: meglio gri gri modificato o reverso? io con il secondo mi sono trovato molto bene..mi pare faccia meno attrito rispetto al gri gri, tutto più fluido; poi ho un ideuzza che mi frulla in testa da un po': se non dico boiate l'unica differenza a livello meccanico rispetto ad avere un compagno di cordata è che l'autoassicurazione è molto statica (essendo la corda bloccata in sosta); ma non si potrebbe allora predisporre sulla sosta di partenza un dissipatore ove passare la corda con un metro di bando? in questo modo in caso di volo il bando andrebbe in tensione nel dissipatore rendendo l'assicurazione dinamica ed evitando pericolose forze d'arresto che con assicurazione statica raggiungono valori alti..è una scemenza o può avere un senso? certo il sistema funzionerebbe per un solo volo ma è anche vero che salendo una via di montagna autoassicurati bisognerebbe evitare di volare..per cui un jolly può essere sufficente; che ne pensate?
appena ho tempo magari giro un tutorial in cantina con la tecnica del reverso..
Per quante vittorie possa ottenere in montagna non potrò mai vincere la montagna,è sempre lei che mi lascia vincere.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

tecniche di autoassicurazione 18/03/2016 10:47 #26018

  • ghibellino
  • Avatar di ghibellino
  • Offline
  • Escursionista
  • Messaggi: 32
  • Karma: 0
IO USO UN SUM DELLA FADERS, NON MODIFICATO, CON AGGIUNTA DI FETTUCCIA PETTORALE PER FAR SCORRRE MEGLIO LA CORDA CHE SOLITAMENTE HO NELLO ZAINO (ZAINO SENZA PATTELLA). ANCHE IO USO CORDA INTERA DA FALESIA DA 70 METRI. IL TUTTO TESTATO IN FALESIA CON VOLO, NON VOLUTO, SU 6A+, BLOCCA. HO PROVATO ANCHE A METTERE UN DISSIPATORE DELLA PETZL ALLA SOSTA, UTILE SU VITI DA GHIACCIO...ADESSO VORREI PROVARE IL TUTTO SU UNA MEZZA CORDA DA 7,1...MI SCHIANTERO' AL SUOLO??? COMUNQUE ANCHE IO USO IL REVERSO PER LE DOPPI E NON SOLO E PUO' INTERESSARMI SAPERE COME FAI...CIAO E BUONA GIORNATA
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

tecniche di autoassicurazione 18/03/2016 11:03 #26019

  • alberto
  • Avatar di alberto
  • Offline
  • Alpinista estremo
  • Messaggi: 3982
  • Ringraziamenti ricevuti 68
  • Karma: 29
sulla via dei "Fiorentini" al Nona e anche sulla "Corrado" ho usato il Gri-Gri modificato. Il sistema è abbastanza scorrevole , basta non dare strattoni. Questo può essere fatto mantenendo un anello di lasco con un bloccante fissato di fianco all'imbrago.

Altri sistema che avevo visto, ma non provato, è quello con reverso o anche con l' ATC oppure il Gigi

Il dissipatore all'ancoraggio di sosta è una buona idea per rendere tutto più dinamico.
Io non l'ho usato perchè mi è parso una ulteriore complicazione nelle già tante e complicate manovre di autoassicurazione. In fondo sulla via dei Fiorentini le protezioni sono tante e le passavo tutte.
Sul Nona la corda la lasciavo appesa alla sosta messa nello zaino come fanno gli speleo in modo che possa uscire senza problemi e grovigli. Basta essere ordinati.

Altro vantaggio del Gri-Gri è quello che una volta arrivato alla sosta e fissata la corda lo puoi usare come discesore per ritornare giù a recuperare il materiale e in accoppiata ad un Jumar lo usi come risalitore senza quindi portarti altri attrezzi di risalita.

Claudio Bacci, quando divresi anni fa fece la solitaria alla via Superforato, usò due nodi prusik (alla Casarotto). A detta sua il sistema funzionava benissimo.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

tecniche di autoassicurazione 18/03/2016 13:26 #26020

  • Erreeffe
  • Avatar di Erreeffe
  • Offline
  • Escursionista
  • Messaggi: 45
  • Ringraziamenti ricevuti 2
  • Karma: 2
Il grigri modificato va benissimo.
é comodo per salire, per ridiscendere la corda, per risalire alla sosta sia con jumar che arrampicando, segue senza problemi e non devi usare altro.
Il dissipatore in sosta può essere utile ma poi complica un po' il recupero della corda.
Puoi mettere appeso alla sosta lo zaino con il materiale in avanzo ed eventualmente la corda e farà da contrappeso. Fai un 1/2 barcaiolo alla prima protezione e queste due cose faranno l'effetto di un dissipatore. Lasciando lo zaino arrampichi anche leggero. Devi anche frazionare la corda ogni tanto perchè non scorra indietro e la cosa più comoda sono degli elastici fatti anche con camera d'aria, velocissimi da mettere e non interferiscono sullo scorrimento in caso di volo. Secondo che protezioni ci sono/metti puoi anche usare semplici moschettoni o moschettone con cordino, senza rinvii, risparmiando peso sul materiale da portare dietro, che da solo è sempre tanto.
Per le doppie ti porti dietro un cordino fine (kevlar se hai soldi :) ) e fai le doppie a piena lunghezza di corda.

Chi l'ha provato dice che il Cinch è ancora migliore, più scorrevole e da non modificare... però non lo ho mai usato.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

tecniche di autoassicurazione 18/03/2016 15:44 #26022

  • alberto
  • Avatar di alberto
  • Offline
  • Alpinista estremo
  • Messaggi: 3982
  • Ringraziamenti ricevuti 68
  • Karma: 29
altro attrezzo che non ho provato:

Silent Partner Wren








Il Silent Partner è accreditato attualmente come il dispositivo per autoassicurazione più sicuro mai prodotto. Si tratta di una specie di verricello intorno al quale la corda compie alcuni giri; funziona esattamente come l'avvolgitore delle cinture di sicurezza per automobili:fino a che si estrae corda lentamente gira permettendo la progressione, se l'estrazione diventa brusca, quindi si cade, si blocca.
I test ne hanno evidenziato l'elevato livello di sicurezza in tutte le situazioni; è dinamico e non usura la corda.
Non sono note situazioni di possibile stallo, ad eccezione dell'eventualità, già considerata sugli altri freni automatici, in cui il climber cadendo dovesse afferrare istintivamente la corda.
Quello che realmente risulta limitante è l'ingombro, paragonabile ad una bottiglia di birra da 33cc, se si hanno da spendere i 250 dollari necessari per l'acquisto.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

tecniche di autoassicurazione 18/03/2016 19:14 #26023

  • derrick
  • Avatar di derrick
  • Offline
  • Climber
  • Messaggi: 207
  • Karma: 4
Erreeffe ha scritto:
Il grigri modificato va benissimo.
é comodo per salire, per ridiscendere la corda, per risalire alla sosta sia con jumar che arrampicando, segue senza problemi e non devi usare altro.
Il dissipatore in sosta può essere utile ma poi complica un po' il recupero della corda.
Puoi mettere appeso alla sosta lo zaino con il materiale in avanzo ed eventualmente la corda e farà da contrappeso. Fai un 1/2 barcaiolo alla prima protezione e queste due cose faranno l'effetto di un dissipatore. Lasciando lo zaino arrampichi anche leggero. Devi anche frazionare la corda ogni tanto perchè non scorra indietro e la cosa più comoda sono degli elastici fatti anche con camera d'aria, velocissimi da mettere e non interferiscono sullo scorrimento in caso di volo. Secondo che protezioni ci sono/metti puoi anche usare semplici moschettoni o moschettone con cordino, senza rinvii, risparmiando peso sul materiale da portare dietro, che da solo è sempre tanto.
Per le doppie ti porti dietro un cordino fine (kevlar se hai soldi :) ) e fai le doppie a piena lunghezza di corda.

Chi l'ha provato dice che il Cinch è ancora migliore, più scorrevole e da non modificare... però non lo ho mai usato.
scusami tanto ma non ci arrivo da solo: ma se lasci lo zaino con la corda in sosta come arrampichi poi?
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

tecniche di autoassicurazione 18/03/2016 22:24 #26026

  • Erreeffe
  • Avatar di Erreeffe
  • Offline
  • Escursionista
  • Messaggi: 45
  • Ringraziamenti ricevuti 2
  • Karma: 2
derrick ha scritto:
scusami tanto ma non ci arrivo da solo: ma se lasci lo zaino con la corda in sosta come arrampichi poi?

Intendevo la corda filata dentro lo zaino e mano a mano che sali questa si svolge e ti segue... :)
All'inizio è tutta dentro lo zaino che risulta più peso, mano a mano che sali diminuisce il peso dello zaino ma hai anche più corda fuori ed in caso di caduta meno bisogno di contrappeso sulla sosta.
C'è chi la tiene filata in uno zainetto sulle spalle oppure con anse di corda sull'imbraco (che però rischiano di impigliarsi facilmente). Alemeno un'ansa devi comunque tenerla all'imbraco altrimenti il peso della corda fa scorrere male il grigri.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

tecniche di autoassicurazione 20/03/2016 09:30 #26030

  • fabrizio
  • Avatar di fabrizio
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 1141
  • Ringraziamenti ricevuti 16
  • Karma: 21
Allego manualetto per l'autoassicurazione!
Leggetelo e poi valutate, mi sembra abbastanza chiaro!

File allegato:

Nome del file: autoassicu...one2.pdf
Dimensione del file:12,127 KB
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

tecniche di autoassicurazione 22/05/2016 13:47 #26256

  • alebiffi86
  • Avatar di alebiffi86
  • Offline
  • Alpinista estremo
  • Messaggi: 1341
  • Ringraziamenti ricevuti 17
  • Karma: 5
alcune considerazioni in base alle esperienze delle ultime settimane: sulla Rosi Sigali per risalire la corda ho usato il gri gri, che sicuramente è comodo perchè con un solo attrezzo + jumar (o volendo anche un semplice machard/bachman)fai tutto; c'è però da dire che in risalita si fà una fatica della madonna e si perde tempo; questo perchè il gri gri quando ci si alza sulla staffa della jumar chiaramente non recupera corda da solo ma ogni volta quest'ultima và trazionata; ieri invece al torrione bacci ho usato il bloccante ventrale Kroll..tutta un altra storia; dopo pochi metri di risalita il peso della corda fà si che questa scorra automaticamente nel Kroll quando si sale sul pedale, evitando fatica aggiuntiva e bloccando molto vicino alla maniglia; secondo me per quei tre/quattro etti in più vale la pena portarlo e guadagnare un sacco di energia in risalita.
Per quante vittorie possa ottenere in montagna non potrò mai vincere la montagna,è sempre lei che mi lascia vincere.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

tecniche di autoassicurazione 22/05/2016 14:44 #26257

  • derrick
  • Avatar di derrick
  • Offline
  • Climber
  • Messaggi: 207
  • Karma: 4
occhio ragazzi: il kroll è un attrezzo sviluppato per la sola risalita su fune in sospensione, ogni altro utilizzo (come ripercorrere un ipotetico traverso) lo rende PERICOLOSISSIMO.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
  • Pagina:
  • 1
  • 2
Tempo creazione pagina: 0.158 secondi

Sostieni AlpiApuane.com

AlpiApuane.com è un portale che si avvale della collaborazione di volontari ed appassionati; non beneficia di contributi pubblici di nessun genere e viene gestito ed aggiornato esclusivamente con risorse private.