Re: Soccorso Alpino – Chi paga Pegaso?

Homepage Forum Alpi Apuane Escursioni e itinerari Apuani Soccorso Alpino – Chi paga Pegaso? Re: Soccorso Alpino – Chi paga Pegaso?

#3150
Anonimo
Ospite

mirto scritto:

[size=2]Visto che nel topic:

"monte contrario via dei chiavaresi-bastrenta"

abbiamo iniziato a discutere del Soccorso Alpino (andando decisamente fuori tema), inauguro una nuova discussione ad hoc.

Con l’occasione ribadisco la mia opinione.
Mi pare che ci sia la tendenza ad abusare del Soccorso Alpino, a danno della preparazione individuale (fisica, tecnica e psicologica).

Se si leggono i comunicati del Soccorso Alpino di Belluno:

http://www.webdolomiti.net/soccorso_alpino/index.htm

la casistica mostra che nel 90% dei casi gli interventi sono dettati da scarsa conoscenza della montagna, pressapochismo, attrezzatura inadeguata, scarso allenamento.

Domenica scorsa, sulle Apuane, il Soccorso ? intervenuto in due casi: sul Pizzo d’Uccello in aiuto di una cordata di 3 persone sorpresa dal maltempo a met? parete Nord; sulla cresta tra il M. Cavallo ed il M. Contrario per recuperare un ferito grave (un 60enne di Prato scivolato per una ventina di metri).

Nel primo caso l’elicottero non ha potuto soccorrere i 3 a causa del maltempo; il recupero ? avvenuto la mattina dopo, con tempo buono, anche perch? i 3 erano in buona salute.
Nel secondo caso mancano particolari.

Il Soccorso Alpino e Speleologico ? un’istituzione che deve continuare ad esistere; dovrebbe per? modificarsi la mentalit? di chi, suo malgrado, ne usufruisce.
Non ? accettabile che una collettivit? (in cui pochi pagano le tasse: le risorse sono esigue) si sobbarchi anche in toto le spese del soccorso (in primis: elicottero).
Come ? stato istituito un ticket minimo all’ospedale, per evitare che la gente ci vada anche per un graffio, cos? sarebbe opportuno ottimizzare le risorse e dunque iniziare a far pagare anche l’intervento del Soccorso.
Magari concorrendo alle spese per una quota.

Questo aiuterebbe a concentrare le risorse di mezzi e persone nei casi pi? rilevanti; al tempo stesso, la gente inizierebbe a responsabilizzarsi di pi?, in montagna (ma anche in altri ambiti).

M.

[/size][b]

Mirto, di qui hai articolato diversamente rispetto a quello che hai scritto dall’ altra parte, di la hai messo un laconico "tanto paga la comunit?" o qualcosa di simile, in toscana la maggior parte di interventi sono per scivolata su sentiero e per riecuperi di cercatori di funghi dispersi, quindi vedi che il recupero di alpinisti in difficolt? ? la minima parte, solo che fanno pi? notizia.
Ti chiedi chi paga pegaso, pegaso lo paga la regione toscana e , ti ripeto a quanto mi risulta, lo paga in maniera forfetaria, che voli o che stia fermo la spesa ? la solita, credo che l’ unica spesa variabile sia quella per le squadre del soccorso alpino, spesa che viene rimborsata dalla assicurazione CAI se gli infortunati sono soci (o se lo sono di altro club alpino avente reciprocit? col CAI) e si infortunano durante attivit? sociale.
non trovo giusto che venga addebitato un ticket secco per il recupero con elicottero, potrebbe essere giusto applicarlo nel caso si accerti che l’ intervento non era necessario, altrimenti dovresti applicarlo anche quando l’ elicottero si alza in volo per soccorrere un ferito stradale, oppure l’ autista che viaggia a 200 orari magari ubriaco "se l’? cercata" meno di un alpinista in difficolt? ?
Inoltre non tutti hanno cognizioni mediche per poter decidere se l’ intervento del soccorso sia necessario o meno, il padre di un mio amico ? scivolato sul sentiero, nel tentativo di evitare la culata per terra ( sarebbe stata senza conseguenze) si ? aggrappato ad un alberello e si ? stirato la spalla, non ha voluto chiamare il soccorso perch? poteva camminare, ha finito il giro tornato alla macchina e alla fine andato in ospedale, ha aspettato talmente tanto che i legamenti della spalla si sono allungati e non ha pi? riacquistato la piena funzionalit? della spalla, non pensi che una spalla vale pi? di un volo di elicottero? e quanti ,per paura di pagare un ticket, non chiamerebbero il soccorso con il rischio di rovinarsi fisicamente ?