Re:GIALUNGA

#3530
Anonimo
Ospite

fatta di recente (la scorsa primavera). Non andare con il caldo (umido). Nonostante fosse la seconda volta abbiamo avuto problemi a reperire la cresta. Una volta che sei sul costolone boscoso con roccette affioranti lo segui fino al primo risalto roccioso. Sali direttamente e poi per erba ripida vai un po’ verso destra. Sali un ripido camino erboso franoso che si incassa sotto un grosso masso incastrato che aggiri sulla sinistra. Sali per erba ripida fino ad un salto roccioso strapiombante. Fai sosta a sx su albero e sali un diedro non banale (punto chiave- mi pare ci sia un chiodo) fino sotto una roccia. Esci sulla destra e traversi senza difficolt? fino a portarti su terreno facile. Segui la cresta verso sinistra riportandti sulla verticale del salto strapiombante. Da qui, prosegui facilmente. Ci sono tratti su placche, via via pi? ripidi ma non difficili. Adesso ricordo male le cose a memoria ma ho una relazione dettagliata scritta di fresco che posso mandarti per MP. Alcuni tratti sono pi? impegnativi, l’ambiente ? favoloso la roccia non buona. Il tratto di cresta orizzontale ? delicato (anche perch? in leggera discesa) ma non difficile. La roccia ? pessima. Noi lo facemmo con la pioggia… Non occorre far doppie per raggiungere l’intaglio. Da qui devi trovar la via giusta. Noi siamo stati un po’ a sx (traverso delicato) e, per prati ripidissimi, abbiamo risalito un po’ per portarsi poi verso dx e riguadagnare quanto prima la cresta. Abbiamo visto un sentiero che, dall’inatglio, taglia a sx ma non sappiamo se e quanto sia praticabile. In cresta, ci sono ancora alcune piccole difficolt?, ma ormai il pi? ? fatto. Sbuchi un po pi? a dx della cima.

via complessivamente simile, per difficolt?, alla cresta di sella, ma meno sicura (se si esclude il breve tiro su roccia da poco franata sulla cresta di sella). Andare con terreno asciutto.