Canale San Viano – Roccandagia

Homepage Forum Alpi Apuane Escursioni e itinerari Apuani Canale San Viano – Roccandagia

  • Questo topic ha 50 risposte, 5 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 11 anni, 11 mesi fa da Anonimo.
Stai visualizzando 15 post - dal 16 a 30 (di 51 totali)
  • Autore
    Post
  • #11766
    fabrizio
    Amministratore del forum

    Enzo scritto:

    Quando di un itinerario come questo diciamo che ha alcuni passi di II e molta molta esposizione abbiamo detto tutto ci? che serve, e comunque tutto ci? che possiamo dire oggettivamente. Per il resto io non so se il mio lettore ? escursionista o alpinista e di che livello (non l’ho mica visto in azione), e quindi non so se ha paura del vuoto o no e se un passaggio di II lo faccia con disinvoltura oppure no. Ma il mio lettore dovr? pur conoscere s? stesso, e sapr? quindi adattare alla propria persona le indicazioni oggettive che gli vengono fornite. Dopodich? decider? responsabilmente se fare o no quell’itinerario, se assicurarvisi o no ecc. ecc.

    ;)

    #11768
    Anonimo
    Ospite

    E’ vero. Magari leggendo di III o IV si deve capire gi? che ? alpinismo, il problema e in tanti altri sentieri ci sono passaggini di I grado con forte esposizione che "a livello escursionistico" rendono una vetta impegnativa.
    Non tecnicamente, perch? come hai detto e come ritengo, la Roccandagia dalla via normale non ha difficolt? tecniche, ma per molti escursionisti sono sicuro che ? gi? troppo!

    Ma penso che avete capito cosa intendo, e io ho capito quello che volevate dirmi…credo che di parole ne abbiamo dette a sufficenza.

    Alla prossima.

    #11769
    fabrizio
    Amministratore del forum

    Ciao Alex…? possibile che ci conosciamo??? Sei per caso della Garfagnana???

    #11771
    Anonimo
    Ospite

    Secondo me la classificazione del grado di difficolt? di un itinerario mediante l’impiego della scala UIAA da un’idea delle difficolt? che si andranno ad affrontare ben precise e sono assegnate con molta oggettivit? e precisione nella descrizione di massima dei luoghi tenendo conto alla lunghezza, sviluppo, continuit? delle difficolt?, qualit? della roccia o variabilit? delle condizioni del terreno, stato della chiodatura, esposizione, possibilit? di ritirata e quant’altro.
    Affermare che un sentiero/via ? facile o difficile dando una descrizione personale ? affidabile come dato ma molto soggettivo.
    Non ? detto che un itinerario che risulta estremamente facile per una persona lo sia allo stesso modo per un’altra e viceversa.
    Per consigliare con certezza un itinerario classificandolo facile o difficile devi conoscere le capacit? di chi ti st? vicino e deve esserci un rapporto reciproco di fiducia solo cosi puoi veramente dare un consiglio valido.

    #11772
    Anonimo
    Ospite

    si, Fabrizio, sono di Castelnuovo….te?

    #11773
    Anonimo
    Ospite

    Cari ragazzi state "impastando escursionismo e alpinismo creando dei dubbi ai meno esperti : il giudizio che da la guida CAI-TCI SULL’ESCURSIONISMO ? il seguente :
    T = facile (senza difficolta’ tecniche e poco faticoso )
    E =escursionistico(per chi ha gia’ esperienza di sentieri in quota )
    EE=media difficolta’(faticoso,con qualche passaggio di roccia elementare(I gr.)e qualche tratto esposto
    EE+=abbastanza difficile (molto faticoso,con esposizione a tratti sostenuta e passaggi su roccia di Igr. o su paleo molto ripido)
    D =difficile (molto esposto,con passaggi di II gr.)poi sulle nostre apuane gli itinerari EE + sono

    1)Pisanino per la cresta Bagola Bianca-per il solco del rio Sambuco
    2 )Grondilice;traversata nord-sud
    3) )via ferrata degli alberghi
    4 )ROCCANDAGIA,cresta sud-ovest e canale S.Viano
    5 )Macina parete nord e cresta nord
    6 )Corchia ,traversata in cresta da nord a ovest

    D = difficile x E.molto esperti
    1 )pizzo d’Uccello per la cresta di Nattapiana
    2 )Cavallo per creste da ovest a nord e nord a sud
    3 ) Contrario traversata per creste da ovest a est

    detto questo non ? piu’ un fatto soggettivo dare valutazioni sugli itinerari basta comprarsi anche qualche guida o manuale.
    Simpaticamnte vi saluto Evaristo

    #11774
    fabrizio
    Amministratore del forum

    Alex scritto:

    si, Fabrizio, sono di Castelnuovo….te?

    Beh! Non ci siamo visti in sez Cai l’altro giovedi??? Hai chiesto info sulla cresta del Roccandagia no???

    #11775
    Anonimo
    Ospite

    bonatti scritto:

    Massimo un tratto di III /IV sullo Spiaggione e una doppia per scendere da Grondalpo

    feci qualche tempo fa la traversata dal passo della Tombaccia, una domanda solo per curiosit?, quale tratto della cresta ? chiamato "spiaggione"? la affilata cresta subito sotto il Grondalpo? o il tratto precedente anch’esso molto esposto? per la cronaca anche noi scendemmo dalla cengia del Grondalpo anziche fare la calata e questa traversata come esposizione al vuoto ? rimasta per me un metro di paragone. Notevole davvero….

    #11776
    alberto
    Partecipante

    Gianluca scritto:

    bonatti scritto:
    [quote] Massimo un tratto di III /IV sullo Spiaggione e una doppia per scendere da Grondalpo

    feci qualche tempo fa la traversata dal passo della Tombaccia, una domanda solo per curiosit?, quale tratto della cresta ? chiamato "spiaggione"? la affilata cresta subito sotto il Grondalpo? o il tratto precedente anch’esso molto esposto? per la cronaca anche noi scendemmo dalla cengia del Grondalpo anziche fare la calata e questa traversata come esposizione al vuoto ? rimasta per me un metro di paragone. Notevole davvero….[/quote]

    si lo "Spiaggione " ? il tratto di cresta rocciosa dopo il Grondalpo.
    In questo tratto la cresta ? esposta in particolare sul versante Campocatino con una vista selvaggia sull’uscita del canale nord meglio conosciuto come "Couloir nord" una delle vie invernali di misto pi? belle delle Apuane. In verita l’uscita ? di 2 vie: il Couloir nord salito nell’inverno 1981 da Dini e Macarini e la via Piotti-Nerli-Da Porto aperta sempre nell’inverno 1981 ma pochi giorni prima che sale la gola nord-est.Dini e Macarini ne volevano fare la prima ripetizione ma poi attaccando pi? a destra sotto il canale di Grondalpo aprirono un’itinerario bellissimo divenuto classico.
    Sempre nella parte alta del canale sopra l’enorme blocco che lo ostruisce, esce anche la difficile via "Meglio anomali e anonimi " che sale la parte nord-est aperta nell’inverno di un paio di anni fa da Polacci-Vietina-Benassi.

    #11779
    Tula82
    Partecipante

    e sai ? tanto che dico di fare la cresta partendo dal passo della tombaccia (ma anche la salita dal canale di s. viano)

    beh… per prendere 2 piccioni con una fava… cresta + vetta e poi scendo dal canale di S. Viano B)

    una domanda : tanti leggo che non fatto la doppia per calarsi dal Grondalpo, ma aggirano con un passaggio esposto. Ma ? il salto ? attrezzato per la doppia ?

    #11780
    alberto
    Partecipante

    Tula82 scritto:

    e sai ? tanto che dico di fare la cresta partendo dal passo della tombaccia (ma anche la salita dal canale di s. viano)

    beh… per prendere 2 piccioni con una fava… cresta + vetta e poi scendo dal canale di S. Viano B)

    una domanda : tanti leggo che non fatto la doppia per calarsi dal Grondalpo, ma aggirano con un passaggio esposto. Ma ? il salto ? attrezzato per la doppia ?

    SI c’? l’ancoraggio.

    questa cresta che sale dal Tombaccia diventa affilatissima d’inverno, sopratutto nel tratto dello Spiaggione.

    #11781
    alberto
    Partecipante

    evaristo scritto:

    Cari ragazzi state "impastando escursionismo e alpinismo creando dei dubbi ai meno esperti : il giudizio che da la guida CAI-TCI SULL’ESCURSIONISMO ? il seguente :
    T = facile (senza difficolta’ tecniche e poco faticoso )
    E =escursionistico(per chi ha gia’ esperienza di sentieri in quota )
    EE=media difficolta’(faticoso,con qualche passaggio di roccia elementare(I gr.)e qualche tratto esposto
    EE+=abbastanza difficile (molto faticoso,con esposizione a tratti sostenuta e passaggi su roccia di Igr. o su paleo molto ripido)
    D =difficile (molto esposto,con passaggi di II gr.)poi sulle nostre apuane gli itinerari EE + sono

    1)Pisanino per la cresta Bagola Bianca-per il solco del rio Sambuco
    2 )Grondilice;traversata nord-sud
    3) )via ferrata degli alberghi
    4 )ROCCANDAGIA,cresta sud-ovest e canale S.Viano
    5 )Macina parete nord e cresta nord
    6 )Corchia ,traversata in cresta da nord a ovest

    D = difficile x E.molto esperti
    1 )pizzo d’Uccello per la cresta di Nattapiana
    2 )Cavallo per creste da ovest a nord e nord a sud
    3 ) Contrario traversata per creste da ovest a est

    detto questo non ? piu’ un fatto soggettivo dare valutazioni sugli itinerari basta comprarsi anche qualche guida o manuale.
    Simpaticamnte vi saluto Evaristo

    si, le valutazioni e gradi dovrebbero essere il pi? possibile oggettivi . Ma non ? sempre cos?.
    Anche le guide come le relazioni sono fatte dalle persone e spesso bisogna farci la tara oppure prenderle con le molle. Molti sono i fattori personali di chi stende una relazione che influenzano le valutazioni tecniche, fisiche e psicologico di un’itinerario.
    Ci sono guide in cui le valutazioni sono severe altre invece sono piuttosto generose. Ci sono guide e relazioni molto precise e dettagliate. Altre invece lasciano pi? spazio alla iniziativa personale, al gusto della scopera e altre ancora errate dove addirittura mancano dei tratti.
    Insomma Bisogna sempre metterci la propria testa.

    #11782
    Anonimo
    Ospite

    evaristo scritto:

    Cari ragazzi state "impastando escursionismo e alpinismo creando dei dubbi ai meno esperti : il giudizio che da la guida CAI-TCI SULL’ESCURSIONISMO ? il seguente :
    T = facile (senza difficolta’ tecniche e poco faticoso )
    E =escursionistico(per chi ha gia’ esperienza di sentieri in quota )
    EE=media difficolta’(faticoso,con qualche passaggio di roccia elementare(I gr.)e qualche tratto esposto
    EE+=abbastanza difficile (molto faticoso,con esposizione a tratti sostenuta e passaggi su roccia di Igr. o su paleo molto ripido)
    D =difficile (molto esposto,con passaggi di II gr.)poi sulle nostre apuane gli itinerari EE + sono

    1)Pisanino per la cresta Bagola Bianca-per il solco del rio Sambuco
    2 )Grondilice;traversata nord-sud
    3) )via ferrata degli alberghi
    4 )ROCCANDAGIA,cresta sud-ovest e canale S.Viano
    5 )Macina parete nord e cresta nord
    6 )Corchia ,traversata in cresta da nord a ovest

    D = difficile x E.molto esperti
    1 )pizzo d’Uccello per la cresta di Nattapiana
    2 )Cavallo per creste da ovest a nord e nord a sud
    3 ) Contrario traversata per creste da ovest a est

    detto questo non ? piu’ un fatto soggettivo dare valutazioni sugli itinerari basta comprarsi anche qualche guida o manuale.
    Simpaticamnte vi saluto Evaristo

    questa mi sembra sia la classificazione del Bocchi nel libro "Apuane – 35 cime in 55 escursioni", condivisibile direi, almeno per quello che ho fatto.

    Comunque Bonatti dice bene, anche le guide vanno prese con le molle, ad esempio "Le montagne irripetibili" di Girolami-Perna ? molto pi? "generoso", descrivendo ad esempio come relativamente semplici itinerari che invece sono riservati ad un "pubblico" gi? avvezzo ai terreni apuani.

    #11783
    Anonimo
    Ospite

    Tula82 scritto:

    e sai ? tanto che dico di fare la cresta partendo dal passo della tombaccia (ma anche la salita dal canale di s. viano)

    beh… per prendere 2 piccioni con una fava… cresta + vetta e poi scendo dal canale di S. Viano B)

    ?

    quando vai fammelo sapere!
    (a meno che non ci si veda prima, per il Contrario-Cavallo :laugh: )

    #11785
    Tula82
    Partecipante

    Alfredo… a settembre guardiamo di organizzare una uscita… questa o il cavallo !!! B)

Stai visualizzando 15 post - dal 16 a 30 (di 51 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.