da Carbonato di Calcio CaCO3

Homepage Forum Alpi Apuane Chiacchiere al rifugio da Carbonato di Calcio CaCO3

Questo argomento contiene 30 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da alberto alberto 3 mesi, 1 settimana fa.

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 31 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #27905

    Luca
    Partecipante
    [th]Carbonato di Calcio CaCO3[/th][th]06/07/2016 23:45[/th][th]#26503[/th]

    mancando i dottori, ché si sa, eno tempi bui, tocca a’ micci farsi avanti: e va bè, qualcuno deve pur cominciare.

    e io comincerei proprio da qui, visto che l’ho buttata lì:

    alla prossima.
    ciao
    Luca

    #27906

    Luca
    Partecipante
    [th]Carbonato di Calcio CaCO3[/th][th]07/07/2016 05:48[/th][th]#26504[/th]

    devo dì che non ho trovato molto, quanto a dati: ma questo è già qualcosa.

    quel che mi ha colpito al volo di questo grafico è la relativamente ridotta percentuale di impiego nel settore edilizio (Construction, 8%), rispetto a settori come quello metallurgico (Metallurgy, 38%) e ambientale (Environment, 32%) :blink: :huh:

    ero convinto che l’impiego in edilizia (costruzioni, strade…) fosse ben più importante di quel modesto 8%: e allora mi son detto che il mio era un bel pregiudizio e che c’eno un sacco di cose che ignoro completamente…

    e in effetti era ben così. ma quelle percentuali vanno senz’altro riviste, dal momento che il grafico si riferisce alle quote di mercato non del carbonato di calcio, ma della calce (lime)

    e che differenza c’è tra calce e carbonato di calcio? :huh:
    ma la calce (sì, quella per la malta e le pitture) un si fa col calcare? :huh:

    e che c’incastra il marmo? che serve a fà le statue, lastre e piastrelle :huh: … oltre che il dentifricio of course… :P

    vediamo di capirne di più nella prossima puntata.

    #27907

    Luca
    Partecipante
    [th]Carbonato di Calcio CaCO3[/th][th]07/07/2016 09:04[/th][th]#26506[/th]
    [quote=”bonatti”]“, eno tempi bui,”

    quando i diritti, che le persone si sono conquistati in tanti anni di lotta, ogni giorno vengono sempre più cancellati, in maniera più o meno velata.

    Credo proprio che si possa dire che sono tempi bui.[/quote]

    #27908

    Luca
    Partecipante
    [th]Carbonato di Calcio CaCO3[/th][th]07/07/2016 11:32[/th][th]#26509[/th]
    [quote=”puppasedani”]ciao vecchiacci!!! :laugh:
    eccomi di ritorno :)

    non sono un esperto, ma non penso che la calce si faccia con tutto il ”calcare” in genere.
    di solito ci vuole un calcare discretamente puro per poter fare la calce (cotta e poi ”estinta”)

    il fatto che la calce sia poco utilizzata in edilizia, e’ cosa recente e (trituramenti a parte) ”triste”.

    dal dopoguerra in avanti la calce e’ stata soppiantata dal cemento (ottenuto cuocendo di tutto…anche ex-materiale edile).
    il cemento ha ottime proprieta’ meccaniche (e’ piu’ duro e piu’ resistente a la trazione)…e ha la buona proprieta’ di non necessitare di cave per produrlo.
    pero’ ha un difetto enorme…e’ pressoche impermeabile.

    e se va bene per fare i piloni (che pero’ dopo 50anni cadono a pezzi, mentre velli roimanoi in pietra stanno ancora li…), per tutto il resto fa onco, proprio perche non respira.
    certi accoppiamenti tipo pietra+cemento sono assolutamente da evitare…sotto pena di rovinare la pietra e averci la casa umida (se l’umidita’ del terreno non puo’ uscire dai muri per evaporazione, sale per capillarita’, ti schianta le pietre e ti porta l’umido dalla cantina al terzo piano…)

    pert certo so che in edilizia sono utilizzate le polveri di marmo, per le finizioni piu’ raffinate (stucchi vari, tadelak)…
    e magari in prodotti a meta’ strada tra il chimico-industriale e il tradizionale-naturale (calce)…vedo infatti che qualcuno ha segnalato il grosso interesse per il macinato da parte di ditte come la kerakol…

    inzomma…i dati non ce li ho, ma se parliamo di utilizzo del marmo, penso che guardare alla calce o agli stucchi tradizionali sia fuorviante. rappresentano percentuali minime del mercato.

    bisognerebbe capire come utilizza il macinato l’industria chimica per l’edilizia…

    chi sa parli![/quote]

    #27909

    Luca
    Partecipante
    [th]Carbonato di Calcio CaCO3[/th][th]07/07/2016 12:39[/th][th]#26511[/th]
    [quote=”bellatrix46″]…sicuramente entra,non so però in quale percentuale, come filler rinforzante nella costruzione di pneumatici e, viste le quantità in gioco, non credo che sia roba da poco…Ciao L. [/quote]
    #27910

    Luca
    Partecipante
    [th]Carbonato di Calcio CaCO3[/th][th]07/07/2016 18:45[/th][th]#26519[/th]

    bon, bon, bon B)

    avrei già da dì qualcosa, ma per maggior ordine e chiarezza preferisco seguire il canovaccio che mi sono fatto prendendo qualche appunto in qua e in là: che poi tanto ci arrivo comunque…

    certo il toppe sarebbe avere anche il parere di un espertone al passo coi tempi: ma intanto si può già provare a fare un abbozzo almeno delle nozioni di base.

    ABC del Carbonato di Calcio CaCO3

    il carbonato di calcio è un sale che si presenta come un solido di colore bianco.
    si trova in natura come minerale (calcite, dolomite…) o come roccia (calcare, marmo).

    le rocce calcaree sono rocce sedimentarie a base di calcite (dolomite) con impurità argillose o quarzitiche.

    il marmo deriva da rocce sedimentarie (calcare, dolomia): è il risultato di un processo geologico chiamato metamorfizzazione.

    la metamorfizzazione, cioè l’azione geologica combinata di forti pressioni e temperature, produce una ricristallizzazione delle rocce calcaree e delle loro impurità minerali e la distruzione del residuo organico.

    il marmo bianco deriva da rocce calcaree praticamente prive di impurità.

    in particolare il marmo bianco statuario si può dire carbonato di calcio pressocché puro (almeno il 98% ). :woohoo:

    in questo caso la parola marmo è praticamente sinonimo di carbonato di calcio.
    ecco perché il marmo, specie bianco statuario, è una materia prima assai ricercata.
    oltre che per il basso costo di produzione, dato che si tratta (scaglie) di un prodotto secondario, residuale dell’estrazione dei blocchi.

    la calce e più precisamente la calce viva (ossido di calcio) è prodotta per cottura ad alte temperature (calcinazione) di materiali a base di carbonato di calcio (rocce calcaree, marmo…) come facevino gl’antichi colle fornaci.

    idratando opportunamente la calce viva si ottiene la calce spenta o calce idrata (idrossido di calcio): vedi il grassello di calce.

    :woohoo: :woohoo: :woohoo:

    bon alla prossima…

    #27911

    Luca
    Partecipante
    [th]Carbonato di Calcio CaCO3[/th][th]08/07/2016 10:06[/th][th]#26522[/th]
    [quote=”puppasedani”]bravo Docche che fai i compitini.

    prima ho scritto ‘na fregnaccia.
    pure il cemento, oltre ad avere vantaggi e svantaggi rispetto alla millenaria calce, viene dale cave.

    http://www.aitecweb.com/Cemento/Comesiproduce/Ilprocessoproduttivo.aspx

    quindi non ha il vantaggio di venire da materiali riciclati, come invece pensavo.
    insomma, se il carbonato di calcio entra nella produzione del cemento (e colle varie) bisognerebbe guardare a quanto ne viene utilizzato in questo settore, piuttosto che alla calce (lime) che e’ diventata un prodotto di nicchia. [/quote]

    #27912

    Luca
    Partecipante
    [th]Carbonato di Calcio CaCO3[/th][th]08/07/2016 10:11[/th][th]#26523[/th]
    [quote=”puppasedani”]altri due link di ”mamma wikipedia” sull’utilizzo del carbonato e della calce, non solo in edilizia:

    https://it.wikipedia.org/wiki/Carbonato_di_calcio

    https://it.wikipedia.org/wiki/Calce

    (da notare che la calce non si produce solo ed esclusivamente dal marmo…) [/quote]

    #27913

    Luca
    Partecipante
    [th]Carbonato di Calcio CaCO3[/th][th]08/07/2016 10:24[/th][th]#26525[/th]
    [quote=”puppasedani”]ah, cave a parte (che usa pure il cemento), pare che la produzione del cemento sia particolarmente ”energivora”…e sia responsabile per il 5% delle emissioni ad effetto serra.

    https://fr.wikipedia.org/wiki/Ciment

    praticamente e’ una calce troppo idraulica (75% carbonato e 25% argilla), che senza la cottura ad alta temperatura ed il processo industriale sarebbe friabile.
    dopo il processo lavorativo diventa invece resistente, rimanendo iper-idraulica (cioe’ prende rapidamente, anche in acqua, ed e’ completamente impermeabile…con i vantaggi e gli svantaggi che comporta…non respira)

    inzomma…si magna quasi tanto calcare quanto la calce all’antica,
    la produzione inquina di piu’,
    e ha cambiato il modo di far le case (da ”pietre tenute dalla sola terra o a secco + intonaco protettivo di 1/3 calce e 2/3 sabbia”…al ”dominio del cemento” :( )

    via la calce all’antica!
    anzi, viva i muri a secco e le case di legno!!! :)[/quote]

    #27914

    Luca
    Partecipante
    [th]Carbonato di Calcio CaCO3[/th][th]08/07/2016 11:06[/th][th]#26526[/th]
    [quote=”bonatti”]per fare i getti non si usa la sola polvere di cemento.
    Ma serve il calcestruzzo, che si fa mescolando, in parti diverse, a seconda della resistenza richiesta:

    cemento – acqua e , guarda un pò….materiale inerte

    con che si fa il materiale inerte (sabbia e ghia) …???

    si preleva dai fiumi, oppure ci macina….

    e che si macina….?[/quote]

    #27915

    Luca
    Partecipante
    [th]Carbonato di Calcio CaCO3[/th][th]08/07/2016 11:30[/th][th]#26527[/th]
    [quote=”puppasedani”]Albe’…ovvio che anche al cemento si mescola la sabbia.

    di solito, per le finiture (intonaco, stucchi) la sabbia, mescolata alla calce, e’ di fiume. grani rotondi e non macinati. altrimenti, come ‘r caciucco fatto male, ”viene un troiaio e fa cacare” ;-)

    ”c’ho o so’ ” perche’ mi son rifatto da me il bagno…al ”naturale”
    e mi son levato l’intonaco di cemento che i vecchi proprietari avevan messo in cantina (e ci faceva salir l’umido a piano terra)…ora son nel dubbio se rifare i giunti tra le pietre con calce + sabbia…o lasciarli cosi’, terra (dei giunti) a vista.

    mi sa che, in culo ‘r carbonato, li lascio di terra! [/quote]

    #27916

    Luca
    Partecipante
    [th]Carbonato di Calcio CaCO3[/th][th]08/07/2016 12:05[/th][th]#26528[/th]
    [quote=”bonatti”]Matte al cemento non si mescola solo la sabbia ma anche materiale di granulometria più grossa.

    Una volta si usava la risina un ghiaia fine che veniva presa nel fiume Magra.

    Lo so perchè mio babbo faceva il camionista e con l’autotreno l’andava a caricare e la portava qui alla centrale del calcestruzzo del Pieretti, dove lavorava, che era al Ponte di Sasso sulla via Sarzanese tra Capezzano Pianore e Piano di Mommio. Tante volte da bimbetto mi portava con lui a giro sul camion.
    Poi per tanti anni ha guidato le betoniere quindi di cemento qualcosina so.
    Questa ghiaia adesso dal Magra non credo venga più prelevata. Quindi da qualche parte deve arrivare per alimentare la produzione di calcestruzzo.

    Stessa cosa è per il materiale da riempimento degli scavi stradali, il cosidetto STABILIZZATO di cava.
    Una volta in zona veniva fatto macinando il materiale estratto dalle cave sulle colline versiliesi, vedi zona Capezzano Pianore cava Coluccini adesso Ices o cava Bartolomei monte Quiesa , oppure le cave sulle colline che da Querceta vanno a Montignoso.
    Queste cave ben visibili se fai la via Sarzanese oppure l’Aurelia , sono chiuse da anni e quindi questo materiale da riempimento da qualche altra parte deve arrivare…

    Stessa cosa per il materiale inerte da mescolare al bitume per fare il conglomerato bituminoso il volgare asfalto. Qui adesso si usa anche riclicare il macinato dei vecchi asfalti stradali. [/quote]

    #27917

    Luca
    Partecipante
    [th]Carbonato di Calcio CaCO3[/th][th]08/07/2016 12:06[/th][th]#26529[/th]
    [quote=”bonatti”][table][tr][td][quote=”puppasedani”]Albe’…ovvio che anche al cemento si mescola la sabbia.

    di solito, per le finiture (intonaco, stucchi) la sabbia, mescolata alla calce, e’ di fiume. grani rotondi e non macinati. altrimenti, come ‘r caciucco fatto male, ”viene un troiaio e fa cacare” ;-)

    ”c’ho o so’ ” perche’ mi son rifatto da me il bagno…al ”naturale”
    e mi son levato l’intonaco di cemento che i vecchi proprietari avevan messo in cantina (e ci faceva salir l’umido a piano terra)…ora son nel dubbio se rifare i giunti tra le pietre con calce + sabbia…o lasciarli cosi’, terra (dei giunti) a vista.

    mi sa che, in culo ‘r carbonato, li lascio di terra![/quote]

    Matte, ma nel rifare il bagno, hai fatto solo il muratore oppure anche il TROMBAIO…. :laugh:[/quote][/td][/tr][/table]

    #27918

    Luca
    Partecipante
    [th]Carbonato di Calcio CaCO3[/th][th]08/07/2016 14:09[/th][th]#26530[/th]
    [quote=”il Conte”][table][tr][td][quote=”puppasedani”]……..
    ”c’ho o so’ ” perche’ mi son rifatto da me il bagno…al ”naturale”
    e mi son levato l’intonaco di cemento che i vecchi proprietari avevan messo in cantina (e ci faceva salir l’umido a piano terra)…ora son nel dubbio se rifare i giunti tra le pietre con calce + sabbia…o lasciarli cosi’, terra (dei giunti) a vista.

    mi sa che, in culo ‘r carbonato, li lascio di terra![/quote]

    Io ho stuccato le mura esterne di una casa di metà ‘800 con questa : Biocalce Pietra
    Questa calce Kerakoll dovrebbe provenire da estrazione in Spagna. Tra gli ingredienti anche fino di puro marmo bianco di Carrara (0-0,2/0-0,5 mm).
    Per intonacare vecchi muri in pietra/calce/terra si dovrebbero usare intonaci a calce, negli ultimi anni sono anche ben studiati. Se si usano intonaci cementizi (quelli per tirare a fare dovrebbero avere anche cellulosa per rapida applicazione), bèh, una tragedia !
    A lavorare sul vecchio ti accorgi che quello era vero bio, quella mia casa prima della restaurazione avrei potuto tirarla nel bosco e l’inquinamento sarebbe stato zero, solo terra, calce, sassi, legno.[/quote][/td][/tr][/table]

    #27919

    Luca
    Partecipante
    [th]Carbonato di Calcio CaCO3[/th][th]08/07/2016 15:54[/th][th]#26531[/th]
    [quote=”puppasedani”][table][tr][td][quote=”il Conte”]A lavorare sul vecchio ti accorgi che quello era vero bio, quella mia casa prima della restaurazione avrei potuto tirarla le bosco e l’inquinamento sarebbe stato zero, solo terra, calce, sassi, legno.[/quote]

    ben detto.
    se dovessi costruire da zero…farei di solo legno. biodegradabile, rigenerabile…
    visto che il vecchio ” c’e’ ” , la sua ”quantita’ di inquinamento” la ha gia ‘ fatta.
    tanto vale non rifarla e ”riusarlo” ristrutturandolo.
    e nel ristrutturarlo posso, compatibilmente con le esigenze della pietra, cercare di limitare il mio impatto sulla terra (cave) e in emissioni (CO2)

    per cui in culo il cemento e tutte le ”colle” chimiche
    calce poca, con cura e solo dove serve (alcuni, e non tutti, i muri esteriori…in cantina ci lascio la terra).
    all’interno calce solo dove strettamente necessario (parte del bagno).
    altrimenti il caro e vecchio ”platre” (gesso???) che viene dalle piante…e respira pure lui come la calce (ma soffre l’umido)

    sara’ certamente piu’ impattante che vivere nelle caverne
    ma meno che costruir da zero una villetta in cemento.
    alla faccia di chi dice che non si puo’ far nulla ;)[/quote][/td][/tr][/table]

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 31 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.