Dinko al Pizzo d’Uccello

Homepage Forum Alpi Apuane Arrampicate sulle Apuane Dinko al Pizzo d’Uccello

  • Questo topic ha 68 risposte, 6 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 12 anni, 5 mesi fa da Anonimo.
Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 69 totali)
  • Autore
    Post
  • #5725
    Anonimo
    Ospite

    Dinko Dinko Dinko!!!

    Butto via il tutore armato dal ginocchio e tiro fuori le scarpette dal garage di casa: erano in un anfratto inutilizzate da? sempre! attaccate dall’umidit?!
    Gi?… con Celaf scaliamo le Alpi in lungo e in largo ma non arrampichiamo mai… e difatti siamo delle frane…
    Ora, improvvisamente, ci ? presa la voglia di arrampicare (…mi?) !!
    Davvero mi chiedo quanti anni sono passati da quando le ho indossate l’ultima volta: sono il numero 40, contro il 42 e mezzo dello scarpone che uso in alpinismo… La lotta pi? dura si riveler? il sopportarle ai piedi per tutte le ore della salita…

    Che avventura la Dinko!
    Vivo ancora le emozioni di una giornata indimenticabile.. per la via? per l’ambiente? per il caro Celaf che mi sopporta, mi sprona, mi sostiene in ogni occasione?
    Per tutto questo, e anche per le magnifiche persone incontrate, con le quali abbiamo condiviso le emozioni di una giornata densa di vita.

    Un saluto ai simpaticissimi Luigi e Cesare, che hanno salito il primo tiro di Marta e poi solo i primi tiri di Dinko (che avevano gi? fatto) per poi indirizzarsi su altro.
    Per?, Luigi, la pastasciutta non me l’avevi portata neppure questa volta?! :lol: ;)

    Un abbraccio forte forte ai quattro amici da Firenze: Patrizia, dolce e solare (davvero ? il destino, Patrizia, a farci re-incontrare in Apuane o, meno prosaicamente, il fatto che siamo sempre sguinzagliate in giro?), Enza, dalla simpatia straordinariamente dirompente, Andrea, tranquillo e carismatico, serio e folle allo stesso tempo, e Cosimo, dal fascino discreto della bravura e della modestia.
    Abbiamo cenato insieme in un?atmosfera di grande complicit?, come solo la montagna sa creare fra persone che si conoscono dalla mattina stessa.
    Un grazie davvero a tutti, anche per il forte incoraggiamento e per i complimenti.

    A presto qualche foto, purtroppo solo Celaf aveva la macchina con s?.
    Ciao!

    Ah!!! Se il tipo sorridente sulla Heidi, che ha richiamato la mia attenzione e mi scattato delle fotografie di fianco, leggesse il forum e volesse spedirmele?.

    #5732
    Anonimo
    Ospite

    complimenti per la via, se come dici non arrampicate mai e vi fate la Dinko cos? al volo, allora chiss? cosa mettereste su se andaste pi? spesso!
    e complimenti anche al ginocchio, mi sembra di capire che ormai ? ok.

    ciao,
    Alfredo

    #5733
    Anonimo
    Ospite

    Ecco qualche foto della splendida e lunga giornata trascorsa sulla sud del Pizzo.
    Un saluto a tutti gli amici con cui abbiamo condiviso la gioia e l?impegno della salita, nonch? la discesa. Come al solito, un complimento alla Piki che si ? tirata 9 dei 13 tiri.

    Le placche del primo tiro:

    [url=http://img195.imageshack.us/my.php?image=dinko1.jpg]

    Dalla terza sosta, ancora placche:

    [url=http://img195.imageshack.us/my.php?image=dinko2.jpg]

    #5734
    Anonimo
    Ospite

    La parte centrale della via, inizio dei due tiri pi? impegnativi:

    [url=http://img193.imageshack.us/my.php?image=dinko3.jpg]

    Il lungo traverso, penultimo tiro della prima parte della via:

    [url=http://img193.imageshack.us/my.php?image=dinko4.jpg]

    Il primo tiro della seconda parte della via:

    [url=http://img193.imageshack.us/my.php?image=dinko5.jpg]

    #5741
    Anonimo
    Ospite

    Complimenti per l’arrampicata (mica male per la 1? uscita!) e per le belle foto. Alcune curiosit? : la via si svolge tutta su placche? La chiodatura ? ben posizionata ed adeguata? Il tiro di 5c com’? (traverso, placca verticale o altro)?

    #5743
    alberto
    Partecipante

    5C uguale VI

    e di VI su Dinko non ce ne neanche l’ombra.
    Il VI, quello vero, ? un’altra cosa!!

    #5746
    Anonimo
    Ospite

    Effettivamente, secondo me, il tiro dato come 5c non ? pi? difficile di quello precedente (dato 5b) o del primo (dato 5a). Relativamente ai gradi assegnati (piuttosto concordi nelle varie relazioni reperibili e non certo stabiliti dai presenti) devo dire che mi sembrano piuttosto concordi in relazione ad altre vie (poche) salite in apuane.

    Il tiro gradato 5c ? in verticale. La via presenta tratti su placca e tiri su roccia rugosissima e alcuni delicati e pi? o meno lunghi traversi.

    Comunque se l’ho fatta io….

    #5747
    Anonimo
    Ospite

    5b, 5a o 5c Dinko l’ho fatta anche io l’anno scorso e devo dire che mi ? piaciuta molto, roccia diversa fra la parte bassa e quella alta, arrampicata totalmente differente, chiodata abbastanza bene (abbiamo integrato con qualche friend), panorama e ambiente unico. Bravi Piki e Celaf, un po’ meno Luigi e Guido che mi hanno raccontato di aver tribolato un po’ su Marta (forse perch? la pastasciutta se la sono mangiata tutta loro lasciando Piki a patire la fame per la seconda volta);)
    Franco

    #5749
    Anonimo
    Ospite

    Bh? insomma…da 5a a 5c c’? una bella differenza! Come tra IV e V. I gradi sono importanti e le relazioni devono essere fatte con criterio e intelligenza e non approssimative "pi? o meno" perch? poi la gente va a dare le "musate". Se io viaggio sul IV, leggo una relazione di una via che da max. IV+ posso avventurarmi ma se quella via poi, in realt?, ? di V o V+ rischio d’incrodarmi ed ? a quel punto che si fanno le cazzate perch? si azzarda per ridiscendere (ammesso che ci sia la fessura per il ch.) o per salire su diff. superiore alle nostre possibilit? e avvengono cos? i voli rovinosi. E non mi si dica che il grado ? "soggettivo" etc. un IV ? un IV e lo si riconosce benissimo, cos? come un V o un VI come dice Bonatti ( a proposito nessuna parentela…). Chi fa relazioni si assume grosse responsabilit? che non ammettono superficialit? e pressapochismo.(Come mettere S2 ad una via che poi ha un’ancoraggio ogni 10/12 m. magari a chiodi arrugginiti….)

    #5750
    Anonimo
    Ospite

    Per Diego e anche per david73:
    sapete che se questa via vi interessa… con un po’ di allenamento si pu? fare.
    sarebbe anche un buon antipasto per futuri progetti su vie un po’ pi? lunghe.
    Ovviamente in questo caso partirei anch’io molto presto! ;)

    #5751
    Anonimo
    Ospite

    In merito all’ultimo post di Diego, aggiungerei anche che a differenza di altre vie (tipo quella che voi avete provato luned?…:whistle:) Dinko ? molto ripetuta e si trovano parecchie informazioni in giro; mi sono fatto l’idea che in effetti oltre il 5c non si vada sicuramente.
    Semmai, molti come ‘bonatti’ tendono a sgradare; io a chi sgrada non credo mai finch? non vado a verificare di persona… per il semplicissimo motivo che preferisco avere sorprese in positivo piuttosto che in negativo! ;)

    #5752
    andrea
    Partecipante

    Mi dite che cosa ? Marta? Una variante di Dinko o una via completa? Dinko mi dissero in diversi che ? molto discontinua (tratti di paleo?) e che merita di pi? pi? il diedro sud. Non so se avete letto questa ironica descrizione sul sito EP:
    http://www.equilibriprecari.it/files/137-dinko.pdf
    Personalmente conosco poco la sud, solo Heidi, bella, quasi alpina ma non alpinistica… e in generale per i gradi non sarei cos? categorico. Tra un IV e un V, specie se di placca, non ? detto che ci sia tutta questa differenza. Un tempo il grado lo dava ad es. anche l’expo, la chiodatura, l’ingaggio insomma. Con le vie a spit e con la demenzialit? di quelle miste (che fanno schifo ai puristi, giustamente, e sono evitate dagli "sportivi") non so. Ma ? pi? semplice dire cosa ? S2 o S3 ecc. (dato oggettivo) che non valutare la difficolt? pura di un passo. Questo ? ben lungi dall’essere una scienza e dipende dallo stile a cui si ? abituato. Anni fa ho incontrato gente forte sulle placche granitiche coricate che trovandosi sul calcare bello verticale, ma ad appigli netti, sovragradavano mostruosamente. Localmente non dimenticate il Procinto, gradazione Angelini-Barsanti-Polacci. O si ha un grado in pi? di quello ivi dichiarato o son i classicissimi azzi senza zucchero ;) Poi arriva quello coi bicipiti super allenati che sgrada, ma non si muove sulla placca schiodata di IV. E’ la solita storia. Quindi…il grado ? ampiamente soggettivo finch? non si arriva a valori esclusivamente atletico-sportivi.

    #5753
    alberto
    Partecipante

    aik scritto:

    5b, 5a o 5c Dinko l’ho fatta anche io l’anno scorso e devo dire che mi ? piaciuta molto, roccia diversa fra la parte bassa e quella alta, arrampicata totalmente differente, chiodata abbastanza bene (abbiamo integrato con qualche friend), panorama e ambiente unico. Bravi Piki e Celaf, un po’ meno Luigi e Guido che mi hanno raccontato di aver tribolato un po’ su Marta (forse perch? la pastasciutta se la sono mangiata tutta loro lasciando Piki a patire la fame per la seconda volta);)
    Franco

    Che vuol dire "via chiodata abbastanza bene" ????

    come se ci fosse una regola per aprire una via. Non esiste una regola. Le vie non si aprono per gli altri ma per se stessi. Anche perch? ognuno di noi ha le sue capacit? tecniche, fisiche e psicologiche e ci possono essere persone che trovano lungo a 4 metri e altri che trovano lungo a 3 oppure a 2 metri.
    Imponendo delle regolae di chiodatura, pensando ai ripetitori, si trasforma la montagna in un luna park verticale.
    Quando apro una via, chiodo dove sento il bisogno di chiodare, di proteggermi e non certamente pensando ai possibili ripetitori e alle loro esigenze. Questo ? un problema loro.

    L’UNICA REGOLA ? quella di dare una relazione sincera di come si ? aperta la via, del materiale usato, della stato dell’attrezzatura e della qualit? della roccia, della difficolt? e dell’impegno complessivo.
    Se in apertura si ? fatto passi in artificiale (e spesso accade e non vengono dichiarati, anche se poi si vedono i segni di chiodatura e schiodatura) si devono dichiarare. Poi se questi tratti vengono successivamente liberati si da anche la valutazione in libera.
    Il grado dovrebbe essere il pi? oggettivo possibile ma spesso non lo ?, per vari motivi. Un VI ? VI con o senza il chiodo che lo protegge. Chiaramente se c’? la protezione ? molto meno impegnativo .
    Ma la dfferenza sta nell’impegno non nella difficolt

    #5754
    alberto
    Partecipante

    davec77 scritto:

    In merito all’ultimo post di Diego, aggiungerei anche che a differenza di altre vie (tipo quella che voi avete provato luned?…:whistle:) Dinko ? molto ripetuta e si trovano parecchie informazioni in giro; mi sono fatto l’idea che in effetti oltre il 5c non si vada sicuramente.
    Semmai, molti come ‘bonatti’ tendono a sgradare; io a chi sgrada non credo mai finch? non vado a verificare di persona… per il semplicissimo motivo che preferisco avere sorprese in positivo piuttosto che in negativo! ;)

    Io non tendo a sgradare, semplicemente in base alla mia esperienza faccio dei paragoni. Se Dinko ? 5c allora la Vinatzer in Marmolada ? 8A .

    #5755
    Anonimo
    Ospite

    Quante polemiche attorno alla Dinko…:S
    addirittura svariati interventi di bonatti in persona..:ohmy: :silly:

Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 69 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.